Scontri ultras di Roma e Napoli: Piantedosi vieta le trasferte ai tifosi per due mesi

Quali sono le partite a cui i tifosi non potranno partecipare dopo gli scontri sull'A1 di domenica scorsa.

Matteo Piantedosi - Foto di Ansa Foto
Matteo Piantedosi – Foto di Ansa Foto

Il ministro dell’Interno Matteo Piantedosi ha disposto la chiusura per due mesi dei settori ospiti degli stadi quando giocheranno in trasferta il Napoli e la Roma. Vietata anche la vendita di biglietti, sempre per due mesi, per l’accesso questi impianti sportivi e gli incontri anche per chi è residente nelle province di Napoli e Roma.

Il motivo del decreto è ciò che è avvenuto sulla A1 domenica scorsa, 8 gennaio, e “del concreto pericolo che tali comportamenti possano ripetersi, con conseguenti rischi di grave pregiudizio per l’ordine e la sicurezza pubblica”, si legge in una nota del Ministero dell’Interno.

Il provvedimento, si legge ancora nella nota, è stato deciso dopo “aver preso atto delle valutazioni del Comitato di Analisi per la Sicurezza delle Manifestazioni Sportive”. 

Annuncio qui che oggi pomeriggio probabilmente firmerò un provvedimento di prevenzione sulle trasferte dei tifosi di Roma e Napoli per i prossimi due mesi”, aveva annunciato il ministro Piantedosi alcune ore prima del decreto. “Serve anche l’individuazione del singolo e provvedimenti come i Daspo, ma non potrò non fare a meno di considerare un provvedimento generale di ordine pubblico per quanto riguarda le due tifoserie”. 

Quali sono le trasferte vietate

Salernitata-Napoli, 21 gennaio ore 18
Spezia-Roma, 22 gennaio ore 18
Napoli-Roma, 29 gennaio ore 20.45
Spezia-Napoli, 5 febbraio ore 12.30
Lecce-Roma, 11 febbraio ore 18;
Sassuolo-Napoli, 17 febbraio ore 20.45
Empoli-Napoli, 25 febbraio ore 18
Cremonese-Roma, 28 febbraio ore 18.30.