Manovra, via libera al Bonus psicologico, ma i fondi sono pochi

I potenziali beneficiari del bonus che viene erogato dall'Inps, sono tutte le persone in condizione di depressione, ansia, stress e fragilità psicologica a causa della pandemia Covid-19. 

Bonus psicologico - Foto di pexels.com
Bonus psicologico – Foto di pexels.com

La manovra economica è approdata oggi, 22 dicembre, in Aula alla Camera, in ritardo di un giorno rispetto alla tabella di marcia. Dopo la discussione generale, potrebbe dover tornare in Commissione per via di un emendamento approvato per sbaglio, che stanzia 450 milioni per i Comuni che sarebbe senza copertura.

Il Bonus psicologico è stato confermato anche per il 2023 e il 2024. Grazie a un emendamento presentato dal Pd, il contributo sale da 600 a 1.500 euro, ma può contare su risorse molto più modeste. Per il 2023 saranno previsti solo 5 milioni, mentre 8 sono previsti per il 2024.

L’anno scorso il fondo era 25 milioni, grazie ai quali è stato possibile accogliere più del 10% delle 400mila domande presentate. Per i prossimi anni quindi, i beneficiari potrebbero essere molto meno.

Nella legge di Bilancio resta invariato il meccanismo delle fasce per accedere al sussidio, con un tetto per il reddito fino a 50mila euro.

Bonus psicologico, gli importi

Chi ha un Isee inferiore a 15mila euro, otterrà un importo fino a 600 euro per ogni beneficiario.

Chi ha un Isee tra i 15mila e i 30mila, l’importo massimo stabilito è di 400 euro per ogni beneficiario.

Con un Isee superiore a 30mila euro e non oltre i 50mila, l’importo è massimo di 200 euro per ogni beneficiario.

Chi può richiedere il bonus psicologico

I potenziali beneficiari del bonus che viene erogato dall’Inps, sono tutte le persone in condizione di depressione, ansia, stress e fragilità psicologica a causa della pandemia Covid-19.