Canone Rai, arriva il rimborso per i cittadini: come richiederlo

Gli italiani aventi diritto possono chiedere il rimborso del Canone Rai già versato, così da riavere indietro una buona cifra a loro favore

Il Canone Rai è una delle imposte annuali che i cittadini italiani odiano maggiormente. Da anni i consumatori sperano che venga abolita o annullata questa tassa per la televisione pubblica, così da rendere meno onerose le spese obbligatorie.

canone rai
Canone Rai (web source)

Dal 2016 il canone televisivo viene inserito e rateizzato all’interno delle bollette di luce e gas. Una trovata da parte del Governo Renzi per evitare l’evasione fiscale, ma anche per abbassare la tariffa da 113 a 90 euro annuali.

Ma c’è chi ha già pagato durante l’ultimo anno il Canone Rai, perché inserito in bolletta, ma allo stesso tempo avrebbe tutti i requisiti per chiedere l’esenzione. Questi utenti possono fare domanda di rimborso, ottenendo così indietro i soldi versati per il suddetto canone.

Chi può chiedere il rimborso al Canone Rai: tutta la procedura

Ovviamente non tutti i cittadini possono richiedere ed ottenere facilmente tale rimborso. Vi sono dei requisiti che, per regolamento, devono essere rispettati per riavere indietro i 90 euro annuali di Canone Rai.

Tra le motivazioni accolte per il rimborso vi sono: il compimento dei 75 anni del richiedente o un componente della famiglia con reddito complessivo inferiore a 8 mila euro all’anno. Oppure anche con il doppio erroneo pagamento effettuato da due membri del nucleo familiare e infine la motivazione più semplice: non possedere un apparecchio audio-televisivo in grado di ricevere il segnale del digitale terrestre.

canone
Antenna Rai (ansa foto)

La procedura standard per richiedere il rimborso, avendo le suddette caratteristiche, è piuttosto semplice. Basterà accedere al portale dell’Agenza delle Entrate, compilare l’apposito modello (sarà compito del titolare dell’utenza elettrica) e inviarlo telematicamente oppure tramite raccomandata A/R.

L’indirizzo di spedizione è Agenzie delle Entrate – Direzione Provinciale I di Torino – Ufficio Canone RAI, Casella Postale 22, 10121 Torino. La missiva dovrà contenere copia di un documento di identità in corso di validità.

Entro 45 giorni dalla richiesta dovrebbe giungere dunque il tanto atteso rimborso, che potrebbe o essere scalato dalla successiva bolletta della luce, oppure emesso direttamente e completamente dall’Agenzia delle Entrate.