Bonus prima casa Under 36, ottime notizie per gli italiani: tutto vero

Bonus prima casa Under 36, ottime notizie per gli italiani: tutto vero. Arriva la risposta sui tassi di interesse agevolati per i giovani

I giovani e le case di proprietà, due mondi che negli ultimi anni hanno avuto grandi difficoltà ad incontrarsi. Ma la pandemia ha accelerato alcuni processi per facilitare in parte la vita a chi vuole costruirsi un futuro e lo dimostrano i Bonus prima casa Under 36.

Bonus prima casa Under 36 (Pexels)

Nelle ultime settimane c’era molta incertezza sulla conferma o meno del sostegno ma ora è arrivata un’ottima notizia per tutti gli italiani. Durante l’ultimo Consiglio dei ministri per il governo Draghi infatti è stata approvata una norma che blocca i tassi di interesse agevolati.

Il Bonus prima casa under 36 è dedicato ai giovani, maggiorenni e fino ai 35 anni d’età, con un Isee fino a 40mila euro e che hanno acquistato o acquisteranno l’abitazione tra il maggio 2021 e il 31 dicembre 2022. Tutti loro quindi potranno beneficiare di tassi agevolati indipendentemente da quanto saliranno nelle prossime settimane. Una boccata di ossigeno per tutti quelli che hanno aspettato per capire che vento tirasse in questi tempi di crisi.

Bonus prima casa Under 36, ottime notizie per gli italiani: come funziona l’agevolazione

Cosa comporta il Bonus prima casa under 36? Anche una serie di agevolazioni, come l’esenzione dal pagamento dell’imposta di registro, ipotecaria e catastale, per acquisti non soggetti all’IVA. Poi l’esenzione sull’imposta di bollo per la compravendita dell’immobile e la garanzia dello stato all’80% sull’acquisto.

Oltre alla data di acquisto dell’immobile, è possibile accedere alla misura solo per l’acquisto di una abitazione che diventi effettivamente la prima casa, cioé quella in cui il giovane vive stabilmente. Per questo  è necessario documentare il passaggio di residenza entro un periodo massimo di 18 mesi dal momento dell’acquisto.

Come funziona il Bonus prima casa Under 36 (Pexels)

Tutte le case rientrano nelle agevolazioni? Molte, ma non tutte. Infatti devono appartenere a queste categorie catastali: A/2: abitazioni di tipo civile, A/3: abitazioni di tipo economico, A/4: abitazioni di tipo popolare, A/5: abitazioni di tipo ultrapopolare-. E ancora, A/6: abitazioni di tipo rurale, A/7: abitazioni in villini e  A/11: abitazioni ed alloggi tipici dei luoghi.