Caltanissetta, abusi su una alunna di 11 anni: professore ai domiciliari

La preside della scuola è stata denunciata per omessa denuncia. Secondo gli investigatori avrebbe lasciato correre la situazione.

Polizia (generica) - Foto di Ansa Foto
Polizia (generica) – Foto di Ansa Foto

Un insegnante di una scuola media di Caltanissetta è stato accusato di violenza sessuale nei confronti di un’alunna di undici anni.

Secondo gli investigatori l’uomo avrebbe abusato del suo ruolo per avvicinare più volte la bambina, dicendole frasi inopportune e palpandole il seno.

Le indagini sono cominciate a giugno, quando la piccola ha trovato il coraggio di raccontare a una professoressa quello che stava accadendo. A sua volte l’insegnante avrebbe informato la vicepreside delle molestie.

Perché la vicepreside è stata denunciata

Stando alle indagini, la cosa sarebbe stata messa a tacere e in generale che “le confidenze non abbiano sortito alcun effetto”. Per questo la vicepreside è stata denunciata per omessa denuncia.

Gli investigatori si sono messi al lavoro solo quando la bambina ne ha parlato con i genitori e la famiglia si è recata alla polizia per denunciare. Sono stati ascoltati anche diversi compagni e amici di scuola della giovanissima vittima: “Anche loro hanno riferito di altri comportamenti inopportuni e frasi inadeguate pronunciate dal docente in classe”, ha spiegato la polizia, come riporta RaiNews.

L’uomo è ai domiciliari

L’undicenne è stata poi ascoltata dal giudice per le indagini preliminari in sede di incidente probatorio, in presenza di una psicologa. L’uomo è finito agli arresti domiciliari. Il pubblico ministero ha valutato di dover chiedere la misura cautelare per impedire un’eventuale reiterazione del reato e il giudice per le indagini preliminari ha accolto la richiesta.