Lunedì difficile per i siciliani. Il maltempo sta flagellando l’isola da stanotte. Molte città si sono svegliate letteralmente ricoperte dall’acqua. Trapani, Erice e Modica le città più colpite, ma situazioni difficili si registrano anche in altre zone come il Ragusano, Marsala, Mazara del Vallo e Alcamo. A Modica, le strade si sono trasformate in torrenti in piena. Numerosi gli interventi dei vigili del fuoco. Case e negozi posti ai piani terra degli edifici sono stati totalmente allagati.

A Trapani, il sindaco Giacomo Tranchida ha invitato i cittadini a non uscire di casa: “Una tempesta si è abbattuta sulla città di Trapani. Le strade sono allagate, tutte le pompe di sollevamento sono accese, ma la quantità di pioggia caduta è stata tale da non consentirne lo smaltimento in breve tempo. Il sindaco ordina la chiusura delle scuole di ogni ordine e grado, degli uffici pubblici del cimitero e delle ville. La cittadinanza è invitata a non uscire di casa.”  Tra le zone più colpite: via Virgilio, piazza Martiri d’Ungheria e la zona industriale.

Maltempo in Sicilia, allagato il pronto soccorso dell’ospedale di Ragusa

Scuole chiuse in alcuni paesi della Sicilia, tra cui Erice e Custonaci. A Ragusa, il temporale che si è abbattuto ieri sera sulla città ha allagato il pronto soccorso dell’ospedale Giovanni Paolo II. Sul posto sono intervenuti i vigili del fuoco, il personale medico e i volontari della protezione civile che hanno messo in sicurezza l’area e stanno provvedendo a garantire l’attività di prima emergenza. Attivati anche i canali telefonici per richieste di emergenza da parte dei cittadini.