Willy Monteiro: i fratelli Bianchi devono risarcire i familiari, ma risultano nullatenenti

Nonostante i loro social raccontassero una vita agiata, i fratelli Bianchi risultano nullatenenti e, come accertato dalla Guardia di Finanza, percepivano il reddito di cittadinanza.

Willy Monteiro Duarte - Foto di Ansa Foto
Willy Monteiro Duarte – Foto di Ansa Foto

La famiglia di Willy Monteiro Duarte rischia di non vedere nemmeno un centesimo del risarcimento disposto dalla Corte di Assise di Frosinone. A dare la notizia, è il Corriere della Sera.

I fratelli Gabriele e Marco Bianchi (condannati all’ergastolo), Francesco Belleggia (condannato a 23 anni) e Marco Pincarelli (condannato a 21 anni di carcere) dovranno pagare 200mila euro per ciascuno dei genitori e 150mila euro per la sorella. A questa somma vanno aggiunti 7mila euro che i quattro condannati dovranno versare ai Comuni di Paliano, Artea e Colleferro, che si sono costituiti parte civile.

Nonostante i loro social raccontassero una vita agiata, i fratelli Bianchi risultano nullatenenti e, come accertato dalla Guardia di Finanza, percepivano il reddito di cittadinanza.

Cosa potrà fare la famiglia di Willy

Il risarcimento scatta dopo la condanna definitiva della Corte di Cassazione (gli avvocati dei quattro imputati hanno già preannunciato un appello), ma, scrive il Corriere, è facile presumere che, non avendo beni oggi, non ne avranno nemmeno domani. E neppure lo Stato interverrà per risarcire i familiari di Willy.

La famiglia, dopo che un ufficiale giudiziario avrà appurato l’impossibilità per i condannati di pagare il risarcimento, potrà rivolgersi al Ministero dell’Interno per chiedere un indennizzo. Fino ad oggi il Ministero, in casi simili, ha erogato poche decine di migliaia di euro: pochi, rispetto a quelli stabiliti dalla magistratura.