Come non pagare il Canone Rai: la soluzione a portata di tutti

Il canone Rai va pagato per forza in Italia? Assolutamente no: l’idea per aggirare questa pesante tassa è arrivata dal mondo dei più giovani

Una delle tasse più odiate dai cittadini italiani è sicuramente il Canone Rai. Ovvero il pagamento obbligatorio per supportare la televisione pubblica nazionale ogni anno, nonostante la si possa guardare poco o nulla.

canone rai
Canone Rai (Twitter)

Il Canone Rai da qualche anno è stato introdotto nelle bollette per l’energia, così da evitare il mancato versamento da parte degli utenti ed i moltissimi episodi di evasione. Nelle ultime settimane si era vociferato di una proposta per abolirlo, ma si è trattato solo di una fake news.

Ma c’è un modo, elaborato soprattutto dai cittadini italiani più giovani, per evitare di pagare il Canone Rai ogni anno o di vederlo inserito nelle bollette a cadenza mensile. Una trovata che in realtà può essere sotto gli occhi di tutti.

Esonero dal pagamento del Canone Rai: spunta la soluzione fai da te

La soluzione per essere esentati dal pagamento del Canone Rai è piuttosto ovvia, ma non automatica. Ovvero consiste nel non possedere alcun apparecchio televisivo in casa e decidere dunque di visionare i contenuti Rai e delle altre emittenti soltanto via streaming e con dispositivi mobili.

Una scelta fai da te, che richiama ovviamente l’utilizzo di pc, tablet e smartphone. La sola presenza nella propria abitazione di un apparecchio televisivo farebbe scattare di fatto la necessità di pagare il Canone Rai.

Ma tale soluzione non è automatica. Ad esempio una giovane coppia che convive ed è residente in una determinata abitazione, può inviare una apposita autodichiarazione qualora sia realmente sprovvista di apparecchio televisivo in casa. Ovvero un modulo scaricabile da Internet, precisamente dal sito dell’Agenzia delle Entrate e che dovrà essere re-inviato con tutti i dati personali proprio al Fisco.

Attenzione però: tale autodichiarazione appare come una soluzione semplice e fai da te, ma dev’essere ben compilata e trasmessa correttamente. Inoltre la scadenza dell’esenzione dal Canone Rai dura al massimo un anno. È bene, se nel frattempo si è ancora sprovvisti di televisori in casa, redigere ogni anno il suddetto modulo per garantirsi la tanto agognata esenzione.