Le monete antiche che valgono un tesoro: vi faranno diventare ricchi

Una moneta può svoltare la vita: la nota casa d’asta ha pubblicato una lista di monete antiche che valgono davvero una montagna di soldi!

Il collezionismo è qualcosa che si tramanda da generazione in generazione. Una sorta di rituale tra famiglie ed amicizie strette, che riguarda oggetti più o meno comuni che possono vedere accrescere il proprio valore.

monete
Monete (foto Pixabay)

Spesso chi colleziona una certa tipologia di oggetti lo fa per hobby. Ma anche nella speranza che, con il tempo, tali collezioni possano cominciare a valere qualcosa in termini economici. E in questo caso è proprio così.

Le monete antiche rappresentano uno degli strumenti per collezionisti che vantano maggiori possibilità di guadagno. Sono oggetti che appartengono ad epoche ormai passate. Ma che spesso nascondono veri e propri tesori, soprattutto nel mercato delle aste e degli appassionati.

La lista di Bolaffi: queste le monete più in voga al momento

In tal senso bisogna seguire gli aggiornamenti sul valore delle monete antiche proposto da Bolaffi, leader nelle case d’asta e nella gestione di cimeli preziosi di vario genere. Le raccolte numismatiche e filateliche sono al top in questo particolare settore e dunque viene considerata un’azienda esimia.

Occhio dunque, per i collezionisti o per coloro che hanno ereditato edizioni numismatiche antiche. Nelle vostre case possono nascondersi dei gioielli capaci di arricchirvi! Dunque occhio agli ultimi aggiornamenti, che riguardano monete del Regno d’Italia.

Bolaffi fa sapere che il valore di tali monete, del periodo tra 1600 e 1900, sia in assoluto crescendo. Si va dai 10 Scudi della reggenza di Carlo Emanuele II (1641) venduti nel 2011 a 150mila euro fino alla Quadrupla di Vittorio Amedeo I di Savoia che di euro ne vale 78mila. C’è anche il celebre “carlino” da 5 doppie: 50mila euro circa, venduto nel 2010. La moneta straniera più preziosa venduta dalla Bolaffi è l’1,5 Rubli per la Polonia di Nicola I di Russia datato 1838, realizzo 43.200 euro. Poi ci sono le celebri 100 lire littorie italiane, del ’37: valgono 38.400 euro.

Ovviamente più le monete sono ben conservate e senza graffi, più si alza il loro valore. Ma non è facile trovarne di linde e pinte, essendo tutti reperti piuttosto antichi. Attenzione però: prima di esultare per il ritrovamento di una moneta di presunto valore da migliaia di euro, urge una visita prezzo un negozio specializzato di numismatica per evitare delusioni o flop.