Roberto Bolle, chi era suo fratello gemello scomparso in giovane età: erano legatissimi

Il noto ballerino Roberto Bolle, aveva un fratello gemello scomparso in giovane età. I due erano molto legati.

Roberto Bolle è il primo ballerino al mondo ad essere contemporaneamente Étoile del Teatro alla Scala di Milano e Principal Dancer dell’American Ballet Theatre di New York.

Il noto ballerino Roberto Bolle, aveva un fratello gemello scomparso in giovane età (foto Instagram)

La sua carriera non ha conosciuto periodi bui, anzi. Il suo lavoro gli ha permesso di tagliare traguardi importanti e ricevere addirittura nel 1999 e nel 2000 il Premio Gino TaniTani, Premio Galileo 2000 e Pentagramma d’oro. Appena 15enne venne notato da Rudolf Nureyev che notò il suo talento e gli fece spiccare definitivamente il volo nella danza. Ambizioso e tenace, ha anche avuto l’ardire di osare come quando, dopo aver frequentato la scuola del Teatro alla Scala, lasciò il ruolo di primo ballerino per il gusto di mettersi in gioco. E in quel momento che la vita gli sorrise. Lo stesso purtroppo non si può dire della sua sfera privata segnata inevitabilmente dalla perdita del fratello gemello, Maurizio Bolle. Da tempo il fratello di Roberto soffriva di problemi di cuore e la notizia della sua scomparsa fu scioccante dato che il ragazzo sembrava essersi ripreso abbastanza bene.

Chi era il fratello di Roberto Bolle

Nato il 26 marzo 1975 a Casale Monferrato sotto il segno zodiacale dell’Ariete, Maurizio non aveva quasi nulla in comune con il suo gemello Roberto. Fisicamente gli somigliava poco e portava gli occhiali. Alla danza, scelse di intraprendere tutt’altro percorso professionale. Si era laureato in economia, con un master di business administration a Parigi, e operava in ambito finanziario. Nel luglio 2011 morì proprio nella capitale francese, dove aveva trovato occupazione.

Quando poteva si godeva qualche trasferta e qualche spettacolo di Roberto insieme alla madre: “Quando possiamo andiamo a vederlo ballare, soprattutto la mamma – raccontò a Quotidiano.net -. Non sempre certo, la sua carriera è veramente impegnativa”. All’età di 36 anni purtroppo perse la vita dopo un arresto cardiaco e per i medici non vi fu nulla da fare, se non constatarne il decesso. Cinque anni dopo, il 22 ottobre 2016, si sarebbe spento il padre Luigi.