Quirinale, Migliore (IV) a iNews24: “Dal voto a Casellati emerge una conduzione dissennata di Salvini”

"Quale sarà la scelta finale dipenderà dai vertici che in questo momento sono in corso nei quali si stanno confrontando le varie leadership. Spero che con il voto delle 17 si vada verso una soluzione”, aggiunge il deputato.

Gennaro Migliore - Foto di Ansa Foto
Gennaro Migliore – Foto di Ansa Foto

Il motivo per cui l’operazione di questa mattina è andata male è che all’interno del centrodestra c’è sempre stata l’ambiguità di Fratelli d’Italia che sta fuori dalla maggioranza. Questa contraddizione è emersa proprio nel voto a Casellati, perché bisognerebbe tutelare la maggioranza e non si può partire da chi è fuori dal governo. È andata male soprattutto per questo”. Così Gennaro Migliore, deputato di Italia Viva a iNews24, sul voto per il presidente della Repubblica di questa mattina. 

LEGGI ANCHE: Covid, Speranza firma l’ordinanza: niente obbligo di tampone ai turisti Ue

Cosa è emerso dal voto di questa mattina per il presidente della Repubblica?
Innanzitutto è emersa una conduzione dissennata da parte di Matteo Salvini che ha esposto la presidente del Senato a una bruttissima figura. Perché raggiungere 383 voti significa averne persi moltissimi, rispetto anche ai soli del centrodestra che sulla carta erano 453”;

Il voto a Elisabetta Casellati non era condiviso in tutto il centrodestra?
Questo vuol dire che non era una proposta condivisa, bensì divisiva anche all’interno del centrodestra. Quando si ha un’esposizione del genere della seconda carica dello Stato c’è un errore di grammatica istituzionale che non andrebbe mai fatto”;

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE: Pillola anti-Covid: Ema dà il via libera. Commissione Ue: “Efficace contro Omicron”

Qualcuno ha affermato che la presidente del Senato ha perso credibilità e che dovrebbe dimettersi.
Direi che a perdere credibilità è stato chi l’ha proposta. Lei continuerà ad essere la presidente del Senato e io la rispetto in quanto tale, anche se si è lasciata convincere da cattivi consiglieri. Tuttavia non penso che dovrebbe dimettersi”;

I nomi possibili al momento, pare, siano Mario Draghi, Pier Ferdinando Casini e suo malgrado l’attuale presidente della Repubblica Sergio Mattarella.
Credo che i nomi siano questi. Quale sarà la scelta finale dipenderà dai vertici che in questo momento sono in corso nei quali si stanno confrontando le varie leadership. Spero che con il voto delle 17 si vada verso una soluzione”;

LEGGI ANCHE: Quirinale, Elio Vito (FI) a iNews24: “Non esiste questione di inopportunità per Elisabetta Belloni”

Si rischia una crisi di Governo?
Sono in corso conflitti di partito. Il Governo non rischia perché è guidato da Mario Draghi. Il motivo per cui l’operazione di questa mattina è andata male è che all’interno del centrodestra c’è sempre stata l’ambiguità di Fratelli d’Italia che sta fuori dalla maggioranza. Questa contraddizione è emersa proprio nel voto a Casellati, perché bisognerebbe tutelare la maggioranza e non si può partire da chi è fuori dal governo. È andata male soprattutto per questo”;

Quale sarà il ruolo di Italia Viva nelle ultime ore?
Faremo quello che abbiamo sempre fatto in tutto questo periodo: ricondurre alla ragione e al dialogo le parti politiche. Noi non abbiamo mai proposto alcun nome per non bruciarlo e perché, avendo 44 voti, riteniamo di non essere quelli che devono proporre un candidato. Piuttosto diamo indicazioni e siamo impegnati in questo senso”; 

Il nome di Elisabetta Casellati verrà riproposto?
Onestamente credo che non ci sia nessuna possibilità che venga riproposta”.