GF Vip, l’annuncio sconvolge gli italiani: “Molestato sessualmente da un politico”

Una confessione molto delicata all’interno dello studio di Storie Italiane da parte di un ex concorrente del GF Vip

GF Vip
Enrico Silvestrin (@Twitter)

L’ex concorrente del GF Vip ed opinionista di Storie Italiane, Enrico Silvestrin, si è lasciato ad una confessione che ha lasciato tutti a bocca aperta lungo la puntata dedicata agli abusi sessuali.

LEGGI ANCHE > > > Amici 21, Maria De Filippi ingaggia un big: sorpresa incredibile in arrivo

NON PERDERTI > > > Isola dei Famosi, confessione choc di un’ex naufraga: “A volte ricado nell’anoressia”

Ad Eleonora Daniele, infatti, Silvestrin ha confessato di essere stato vittima di abusi da parte di un regista cinematografico quando era ancora minorenne: “Non posso fare il suo nome, posso dire che oggi quell’uomo riveste un ruolo politico molto importante, ma all’epoca era regista”.

LEGGI ANCHE > > > Barbara D’Urso, pessime notizie in arrivo: una mazzata difficile da digerire

GF Vip, Enrico Silvestrin svela i dettagli dell’abuso subito

GF VIP
Enrico Silvestrin (@Twitter)

L’allora 17enne Enrico Silvestrin ha sofferto molto per quanto accaduto: “Non riuscivo a mangiare, vomitavo, non dormivo. Però devo dire che la reazione fisica nel tempo la dimentichi ma psicologicamente pensi di essere stato colpevole di qualcosa e questo senso di colpa ce l’ho avuto a lungo. Io ero andato a fare un tour all’estero per la mia carriera, sono arrivato a pensare che avrei dovuto evitare di andarci”.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE > > > Ballando con le Stelle, concorrente racconta la battaglia contro il tumore: “Ho dolori ovunque”

Poi, nello specifico, ha raccontato ad Eleonora Daniele ed ai telespettatori quanto accaduto: “Non riuscii a fare nulla, rimasi paralizzato e gli chiesi il perché. Ovviamente non mi rispose e ha usato questa mia debolezza contro di me facendoli sentire inadeguato, in colpa per quello che era accaduto e nei giorni successivi non ha fatto altro che prendermi in giro su quello che era, anzi non era accaduto”.