Elezioni Quirinale, Marcucci: “Gentiloni sarebbe un ottimo candidato”

Per il senatore Pd però, sarebbe arrivata l’ora di candidare una donna: “Sarebbe per tutto il Paese un segnale di svolta profondissimo".

Paolo Gentiloni sarebbe un ottimo nome per il Colle, potendo contare non solo su un ottimo curriculum nazionale, ma anche su un crescente prestigio internazionale in Europa e negli Stati Uniti”. Così. Il senatore dei Dem Andrea Marcucci in un’intervista a La Repubblica.

LEGGI ANCHE: Kyle Rittenhouse, che uccise due manifestanti antirazzisti a Kenosha, è stato assolto

Detto questo, ricordo che i nomi buoni devono arrivare in prossimità del 18 gennaio, quando le Camere riunite inizieranno le votazioni”. Inoltre aggiunge: “Le persone equilibrate e di buon senso come il Commissario europeo, trovano sempre l’attenzione dovuta anche negli altri schieramenti. Paolo, anche quando in passato ha avuto deleghe molto delicate, penso al suo ministero delle Comunicazioni, ha sempre parlato con tutti, trovando soluzioni di sistema che si sono dimostrate molto efficaci”.

Marcucci: “Candidare una donna sarebbe una svolta per tutto il Paese”

Secondo l’ex capogruppo del Partito democratico in Senato però, sarebbe arrivata l’ora di candidare una donna: “Sarebbe per tutto il Paese un segnale di svolta profondissimo. Per tutta la società, mondo del lavoro e politica compresi. Io sarei favorevolissimo a votare una donna”, ha concluso. 

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE: Proteste no-Green pass, Milano blindata: tensioni tra manifestanti e forze dell’ordine

Le posizioni delle forze politiche

Nell’ambito del totonomi, “di Quirinale si parlerà a gennaio”, ha affermato Enrico Letta, segretario del Pd, che ha anche assicurato che il suo partito “si farà trovare compatto” all’appuntamento”. 

Il Movimento 5 Stelle sceglie la linea della cautela. Giuseppe Conte, dopo aver ipotizzato la possibilità che possa essere il premier Mario Draghi il prossimo presidente della Repubblica, non è più tornato sul tema.

Della stessa idea è il centrodestra. Giancarlo Giorgetti, ministro leghista dello Sviluppo Economico, crede che “Draghi potrebbe guidare il convoglio anche dal Quirinale”, aprendo al semipresidenzialismo.