Salvini convoca un consiglio federale per stanare Giorgetti: cosa accade nella Lega

Dopo le dichiarazioni di Giorgetti, Matteo Salvini ribadisce la sua leadership con un consiglio federale e una videoconferenza con Polonia e Ungheria.

green pass salvini
Matteo Salvini (Getty Images)

Matteo Salvini passa al contrattacco dopo le dichiarazioni del vicesegretario Giancarlo Giorgetti. Non ha risposto in modo diretto, ma ha messo in campo alcune iniziative che servono a ribadire che è lui a dettare la linea politica. 

LEGGI ANCHE: Vaccino J&J: via libera dell’Aifa alla dose booster con vaccini a mRna

La mossa di Salvini sul fronte interno

Questa sera si terrà un consiglio federale a sorpresa, convocato solo 28 ore prima del suo svolgimento. Qui si potrebbe decidere la posizione da prendere dopo l’attacco di Giorgetti a una parte della Lega che rischierebbe di finire “sul binario morto”, come ha affermato durante un’intervista con Bruno Vespa. Salvini porterà sul tavolo una serie di proposte di modifica del reddito di cittadinanza, volte a “rendere lo strumento più efficace, evitando gli abusi e risparmiare risorse per destinarle al taglio delle tasse”. Inoltre ha lanciato un’assemblea programmatica che si terrà a fine anno a Roma, con l’obiettivo di coinvolgere tutti i rappresentanti del partito e trovare con loro una quadra sulle battaglie della Lega nel 2022.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE: Finti vaccini ai bambini: Emanuela Petrillo condannata a risarcire 550mila euro

Sul piano internazionale, la conferenza con Ungheria e Polonia

Sul piano internazionale invece, Salvini ha deciso di rispondere a Giorgetti, che continua a mostrare di preferite l’abbandono del fronte sovranista, convocando una videoconferenza con il premier ungherese e numero uno di Fidesz, Viktor Orbán e il premier della Polonia, Mateusz Morawiecki, leader del partito Pis. I tre si erano già incontrati a Budapest ad aprile nel castello di Buda, dopo avevano avviato il progetto di far nascere un nuovo gruppo al Parlamento europeo. Salvini vorrebbe unire Identità e Democrazia e Conservatori europei, coinvolgendo anche Marie Le Pen e lasciando fuori i tedeschi di Afd.