Forza Nuova, il Senato approva la mozione di Pd, Movimento 5 Stelle, Lei e Iv

Esaminate anche la mozione di Fratelli D’Italia contro i totalitarismi e una del centrodestra per contrastare tutte le realtà eversive.

Crisi Governo
Senato della Repubblica (Getty Images)

Il Senato ha approvato l’ordine del giorno di Pd, Movimento 5 Stelle, Leu e Iv sullo scioglimento di Forza Nuova dopo l’attacco alla sede della Cgil a Roma. 

Si tratta di un atto di indirizzo del governo ed è stato sottoscritto anche dal gruppo delle Autonomie e chiede di “valutare le modalità per dare seguito al dettato costituzionale in materia di divieto di riorganizzazione del disciolto partito fascista e alla conseguente normativa vigente, adottando i provvedimenti di sua competenza per procedere allo scioglimento di Forza Nuova e di tutti i movimenti politici di chiara ispirazione fascista, artefici di condotte punibili ai sensi delle leggi attuative della XII disposizione transitoria e finale della Costituzione repubblicana”, si legge nel testo dell’ordine del giorno unitario. 

LEGGI ANCHE: Green pass, Bassetti a iNews24: “Tampone sia valido per 15 giorni, lasciapassare solo a vaccinati e guariti”

Il Senato ha esaminato anche la mozione di Fratelli D’Italia contro l’integralismo islamico e altri fenomeni di totalitarismo, oltre che una del centrodestra per contrastare tutte le realtà eversive. Proprio su quest’ultimo tema il centrodestra ha fatto fronte comune accogliendo la proposta di Giorgia Meloni di ricompattarsi, dopo il risultato delle elezioni amministrative. Nella mozione unica si chiede al governo di “adottare tempestivamente ogni misura prevista dalla legge per contrastare tutte, nessuna esclusa, le realtà eversive che intendano perseguire il sovvertimento dei valori fondamentali dell’ordinamento costituzionale e, di conseguenza, che rappresentano un concreto pericolo per l’impianto democratico”. Il centrodestra chiede anche di “dare seguito, con sollecitudine, per quanto di competenza e secondo legge, alle verifiche e agli accertamenti della magistratura in ordine agli episodi del 9 ottobre 2021 richiamati in premessa”.