Calciomercato Milan, la dirigenza vuole blindarlo: rinnovo possibile

Calciomercato Milan, torna a far parlare la questione rinnovi. La dirigenza vuole blindarlo e sta pensando ad una nuova offerta

calciomercato milan
La dirigenza rossonera può tornare a lavorare sulla questione rinnovi (Getty Images)

Il Milan sta vivendo un periodo decisamente complicato per via degli infortuni. La squadra di Stefano Pioli esce infatti dall’ultima sosta delle Nazionali con le ossa rotte, complice l’infortunio di Mike Maignan e la positività al Covid di Theo Hernandez. Ci sarà da lavorare per trovare la giusta quadra e proseguire con i risultati ottenuti nelle settimane passate.

Intanto, la dirigenza del Milan sta continuando a lavorare in ottica calciomercato. Dopo aver fatto firmare il contratto ad Antonio Mirante, ora l’obiettivo sono i rinnovi di contratto. C’è un elemento della rosa in particolare che sta convincendo e per il quale l’intenzione sarebbe quella di blindarlo sin da ora. Ne ha parlato il suo agente.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Milan, che mazzata per Pioli: una stella è positiva al Covid

Calciomercato Milan, Giuffrida: “Rinnovo Pioli? Naturale che se ne parli”

I rossoneri studiano il rinnovo di contratto di Stefano Pioli (Getty Images)

Intervenuto a margine della riunione Assoagenti a Milano, l’agente e intermediario Valerio Giuffrida ha affrontato vari argomenti legati ai suoi assistiti. Tra questi, il rinnovo di Stefano Pioli con il Milan. “È naturale che se ne parli, ma le cose devono andare avanti naturalmente senza forzare” ha spiegato, aggiungendo poi: “La crescita così esponenziale e così positiva è forse inattesa per tutti. Allo stesso tempo, però, lui dice che questa è una crescita naturale e graduale, speriamo di essere ancora a metà strada“.

FORSE TI INTERESSA ANCHE >>> Juventus-Roma, tegola inaspettata: forfait di uno dei Big più attesi!

Tra i temi trattati, anche un possibile ritorno in Italia di Mauro Icardi. “Dove andrebbe Mauro tra Juve e Milan? Questo dovete chiederlo a lui” ha sviato l’agente, lasciando poi la riunione.