Caso Gregoretti, definitivo il non luogo a procedere nei confronti di Matteo Salvini

I termini per un ricorso in Cassazione sono scaduti. La notizia è stata confermata da Giulia Bongiorno, avvocato dell'ex ministro dell'Interno.

La sentenza di non luogo a procedere perché il fatto non sussiste nei confronti di Matteo Salvini, è diventata definitiva. Il leader del carroccio era imputato per sequestro di persona per aver bloccato per 6 giorni, a luglio 2019, nel porto di Augusta, 131 migranti sulla nave Gregoretti della Guardia Costiera italiana.

LEGGI ANCHE: Caso Gregoretti, per il gup la condotta di Salvini “non è penalmente rilevante

La sentenza era stata emessa nei mesi scorsi nell’aula bunker del carcere di Bicocca dal giudice per le indagini preliminari Nunzio Sarpietro e non è stata appellata dalla Procura generale di Catania.

Catania arresti
Archivio (via Getty Images)

I termini per un ricorso in Cassazione sono scaduti. La notizia è stata confermata da Giulia Bongiorno, avvocato dell’ex ministro dell’Interno.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE: Luca Morisi indagato per droga, Matteo Salvini sui social: “Su di me potrai contare”

Quella catanese è una decisione opposta rispetto al caso della Open Arms, emessa dal gup di Palermo che invece ha rinviato a giudizio Matteo Salvini.
Secondo il giudice non c’è stato un sequestro di persona, ma Legambiente, Arci, AccoglieRete e una famiglia di migranti a bordo della Gregoretti, parti civili, avrebbero voluto un ricorso da parte della Procura generale.