Grindadrap: il massacro dei delfini alle Isole Faroe

Si chiama Grindadrap, ed è una tradizionale caccia che ogni anno si tiene sulle Isole Faroe. Fin qui nulla di particolarmente strano, se non fosse che questa “tradizione” comporta il barbaro massacro di migliaia di delfini sulle spiagge dell’isola. Le immagini diffuse dall’organizzazione Sea Shepherd sono agghiaccianti: sulla battigia di Skalabotnur, a Eysturoy, sono adagiati i cadaveri di oltre 1.500 delfini, trascinati sulla spiaggia e massacrati a colpi di coltello. Il mare si è tinto di rosso per via della grande quantità di sangue che si è riversata in acqua.

Un frame del video diffuso da Sea Shepherd (Facebook)

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Picchiava e insultava i bambini dell’asilo: interdetta maestra in provincia di Monza

Questo tipo di caccia prevede, infatti, che delfini e balene vengano portati sulla spiaggia e sgozzati a colpi di coltello. Ogni anno, come riporta la Bbc, circa 600 balene e 40 delfini vengono uccisi durante questa pratica. Quest’anno il massacro è però stato di gran lunga superiore. Un triste “record”, che supera quello del 1940, quando a essere uccisi furono circa 1200 mammiferi e cetacei. Un sondaggio condotto dalla tv pubblica Kringvarp Foroya ha rivelato che, sulle Isole Faroe, il 50% della popolazione è favorevole alla caccia dei delfini, e ben l’80% è favorevole a quella delle balene.