Gratta&Vinci rubato a Napoli, parla il tabaccaio accusato di furto: “L’ho comprato io, non la signora anziana”

Il giorno dopo essere stato fermato a Fiumicino mentre tentava di prendere un volo per Tenerife, Gaetano Scutellaro -il cosiddetto "tabaccaio" accusato di aver sottratto un gratta&vinci da 500mila euro a un'anziana signora di Napoli- decide di parlare in esclusiva a iNews24.it: "Il biglietto l'ho comprato io, volevo fuggire all'estero perché non mi sento sicuro a Napoli".

0

“Io non sono il tabaccaio, ma l’ex-marito della titolare” esordisce così a telefono Gaetano Scutellaro, l’uomo accusato di aver sottratto il gratta e vinci da 500mila euro ad un’anziana signora del rione Materdei a Napoli, per poi fuggire alla volta di Fiumicino e cercare di partire per Tenerife. Ai microfoni di iNews24.it si difende da tutte le accuse: “Il biglietto l’ho fatto comprare io da un mio conoscente il giorno prima, alla signora avevo chiesto soltanto di andare a riscuotere la vincita che credevo ammontasse soltanto a 500 euro”.

Un’intricata dinamica dei fatti

Scutellaro ribalta completamente la versione fornita dalla donna che ha denunciato il furto agli investigatori. Secondo l’uomo, il tagliando vincente sarebbe stato acquistato da un suo conoscente la sera prima: “Io non ci entro in quella tabaccheria, perché non sono più in buoni rapporti” spiega. “Dopo aver grattato -continua Gaetano- mi ero accorto di una vincita, ma credevo ammontasse solo a 500 euro. Ho chiesto un piacere alla signora, se potesse ritirarla al posto mio”.

Quando però la donna, così come ricostruisce Scutellaro, ha tardato a uscire dalla rivendita con il denaro, lui si sarebbe avvicinato all’entrata col motorino: “Le ho chiesto cosa fosse successo e lei mi ha detto che bisognava andare in banca per ritirare la vincita. Mi sono fatto consegnare il tagliando e sono andato via. Questo è stato tutto registrato dalle telecamere della tabaccheria” spiega l’uomo, che ieri è stato fermato all’aeroporto di Roma Fiumicino mentre tentava di imbarcarsi su un aereo diretto a Tenerife: “Mi sono allontanato da Napoli per paura, non avevo nemmeno letto le notizie della denuncia della signora”.

Materdei

Il biglietto depositato in una banca di Latina

“Il gratta e vinci l’ho portato in una banca a Latina perché io lì ho una seconda casa, volevo allontanarmi il più possibile a Napoli e volevo metterlo al sicuro” continua la ricostruzione di Scutellaro, che aggiunge: “Volevo poi andare in vacanza a Tenerife per staccare dalla situazione stressante che si era creata, non immaginavo che ci fosse un tale putiferio. Quando mi hanno detto della denuncia, sono stato io stesso ad andare all’ufficio della Guardia di Finanza all’aeroporto”.

La denuncia dell’anziana

La signora di Materdei che ha denunciato il furto due giorni fa, invece, fornisce una dinamica degli eventi molto diversa. Da quanto trapelato alla stampa, lei si sarebbe rivolta alla tabaccheria dopo aver visto l’ingente vincita. In quel momento, le sarebbe stato tolto di mano il biglietto.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui