Morto il giornalista Giangavino Sulas: il ricordo di Gianluigi Nuzzi

0

Lutto nel mondo del Giornalismo. E’ morto all’età di 78 anni Giangavino Sulas, giornalista di spicco e ospite in diverse trasmissioni Mediaset

Morto il giornalista Giangavino Sulas
Giangavino Sulas (Screen Bianco e Nero)

Lutto nel mondo del giornalismo con la morte di Giangavino Sulas. Di origini sarde, Giangavino ha vissuto a Bergamo occupandosi di cronaca nera, in particolare si ricorda l’inchiesta sulla morte di Yara Gambirasio.

Giornalista di spicco, è stato ospite fisso in numerose trasmissioni televisive, tra queste ‘Quarto Grado’, ‘Pomeriggio Cinque’ e ‘Lombardia Nera’. A dare notizia della sua morte avvenuta all’età di 78 anni, è stato il suo amico e collega Gianluigi Nuzzi.

POTREBBE INTERESSARTI>>> Rai, conduttore positivo al Covid: cambia tutto nel palinsesto?

Gianluigi Nuzzi ricorda il collega Giangavino Sulas

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Gianluigi Nuzzi (@gianluigi.nuzzi)

 Giangavino Sulas si è spento a Bergamo all’età di 78 anni. Tutt’ora si dedicava al suo lavoro nonché sua più grande passione, difatti, fino all’ultimo si è collegato con le trasmissioni televisive dall’ospedale dove era ricoverato.

In tanti subito dopo aver appreso la triste notizia hanno voluto ricordare il giornalista di spicco. Tra questi, il collega Gianluigi Nuzzi: “Caro Giangavino te ne sei andato in punta dei piedi, sempre secondo il tuo stile di uomo gentile, cronista di altri tempi, senza mai rinunciare a esprimere le tue idee, talvolta in solitudine. Questo nostro mestiere significa anche ironia, autoironia sulla commedia della vita e tu ne sei maestro. E per questo non uso il verbo al passato perché le tue lezioni rimarranno sempre. Grazie“.

LEGGI ANCHE QUESTO ARTICOLO>>> Luca Argentero, annuncio incredibile: è successo davvero

Parole d’affetto si leggono anche dall’account ufficiale del programma televisivo ‘Quarto Grado’ dove Giangavino spesso interveniva: “C’era tutto lui. La passione per il confronto. Le carte di un processo tra le mani. La notizia prima di tutto come atto di rispetto per i suoi lettori e per i telespettatori di Quarto Grafo. Se n’è andato di venerdì. Ci mancherà tantissimo. Ciao caro amico. Ciao Giangavino“.

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui