Zona bianca e coprifuoco, cosa cambia in questa settimana: tutte le novità

0

Sono sette le regioni che da oggi saranno in zona bianca, mentre il coprifuoco da oggi sarà alle 24: andiamo a vedere cosa cambia. 

zona bianca coprifuoco
Cambiano le regole in diverse regioni (Getty Images)

Durante questo lunedì diventano sette le regioni in Italia in zona bianca con l’aggiunta di Veneto, Abruzzo, Liguria e Umbria. Inoltre durante questa settimana viene allungato il coprifuoco alle ore 24, limitazione che sarà presente solamente nelle regioni in zona gialla. Inoltre per chi adotta la minima zona di restrizioni cambieranno anche le regole nei ristoranti. Infatti nei locali non ci saranno limiti alle presenze al tavolo all’aperto, mentre al chiuso saranno solamente 6 i commensali al tavolo.

POTREBBE INTERESSARTI >>> Covid, Sileri: “Le cose vanno bene, non preoccupiamoci delle varianti”

Inoltre la situazione pandemica sta migliorando anche grazie alla nuova accelerata della campagna vaccinale. Infatti si sta proseguendo ad una media di 600mila vaccinazioni al giorno. Dall’inizio della campagna vaccinale sono 38.032.517 le dosi somministrate su 41.987.609 consegnate. Andiamo quindi a vedere perchè tra giugno e luglio potrebbe esserci la definitiva svolta nella lotta contro la pandemia.

Zona bianca e coprifuoco alle 24, luglio il mese della svolta: le parole di Sileri

coprifuoco zona bianca
Cosa succede nei prossimi mesi (Getty Images)

L’obiettivo dell’Italia nei prossimi mesi è quello di tenere il passo e soprattutto di continuare la campagna di vaccinazione di massa. A parlare sulla situazione del Paese ci ha pensato Pierpaolo Sileri. Infatti il sottosegretario alla Salute, intervistato a Domenica In, ha affermato: “Luglio sarà la svolta completa e assoluta, ricominciamo a vivere“. Infatti stanno crollando a picco i decessi nel paese.

POTREBBE INTERESSARTI >>> Ibiza, sparatoria in una villa: si è consegnato l’italiano ricercato

Inoltre secondo il report del sottosegretario sono tre le regioni senza pazienti in terapia intensiva: Valle d’Aosta, Molise e Basilicata. Nell’intera penisola, adesso, il tasso di occupazione della terapia intensiva si attesta al 9%. Mentre per quanto riguarda le varianti, Sileri ha cercato di tranquillizzare i cittadini, affermando che lo Stato già sta monitorando. Luglio quindi potrebbe essere il mese della svolta assoluta, con oltre metà della popolazione vaccinata. Quindi per settembre-ottobre, dovrebbe essere completata l’immunizzazione di massa.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui