Bonus genitori separati e divorziati: a chi spetta e come funziona

0

Bonus genitori separati e divorziati: un provvedimento inedito nel Decreto Sostegni. Vediamo a chi spetta e come funziona

bonus baby sitter
Bonus genitori separati e divorziati, a chi spetta (Getty Images)

Sono diverse le misure per aiutare le famiglie in difficoltà previste nel nuovo Decreto sostegni voluto dal governo Draghi ma ce n’è una in particolare che rappresenta una novità. Parliamo per bonus dedicato ai genitori separati o divorziati, ancora più in difficoltà economiche a causa della pandemia per onorare i loro impegni.

Un fondo espressamente dedicato, che per il 2021 sarà coperto con 10 milioni di euro e prevede un contributo per coprire in parte o integralmente l’assegno di mantenimento. Ed è già stato stabilito che la cifra massima per ogni assegno sarà pari a 800 euro al mese.

Nel testo dell’emendamento al Decreto sostegni è previsto di dover attendere un decreto del Consiglio dei Ministri (con un tempo massimo di attesa pari a 60 giorni). Lì saranno  definiti criteri e modalità per l’erogazione dei bonus, ma è già positivo che siano stati presi in considerazione i genitori separati e divorziati.

Vaccino Draghi
Mario Draghi (Getty Images)

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Assegno unico, rinvio per l’incentivo: mazzata per le famiglie

Bonus genitori separati e divorziati, lo scopo è quello di proteggere i figli

Il fondo coprirà gli assegni per il mantenimento dei figli e quindi sembra  esclusa la possibilità che possa essere usato per pagare l’assegno che spetta al coniuge. Infatti è stato ideato per i genitori lavoratori separati o divorziati che a causa della pandemia hanno cessato, ridotto o sospeso temporaneamente l’attività lavorativa. Un  motivo valido quindi per interrompere il versamento dell’assegno di mantenimento, ma così rischiano di essere penalizzati i figli.

Secondo gli ultimi dati elaborati dall’Associazione Diritto e Psicologia della Famiglia, nel 2020 è stata in realtà registrata una diminuzione del 15% nel numero delle separazioni rispetto all’anno precedente. In lieve aumento, però, le separazioni consensuali (salite del 2%), che sono il 76% di quelle totali. Non è tanto perché la passione tra le coppie è tornata, quanto piuttosto perché di questi tempi la separazione rischia di pesare ancora di più sulle tasche.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui