Cashback, non c’è pace: nuova brutta sorpresa

0

Cashback, nuova brutta sorpresa in Italia in queste ore: ecco cosa è accaduto questa volta. Utenti in ansia 

cashback
Cashback (Getty Images)

Per chi credeva di avere già il supercashback in tasca e si aspettava un rush finale sereno e tutto sotto controllo, si è sbagliato di grosso: la corsa per i 1.500 euro, valevoli per i primi 100.000 utenti che otterranno il maggior numero di acquisti, si rivela infatti sempre più spietata e senza esclusioni di colpi. Tutto è iniziato da una spaventosa accelerata dei giorni scorsi, dove l’ultimo in classifica è passato dalle poco più di 210 operazioni a un maxi bottino di 250 acquisti.

Leggi anche —-> Supercashback, assurdo: scoperta choc in queste ore

Cashback, sale ancora la quota per i 1.500 euro 

Cashback
Cashback (Pixabay)

Da allora qualsiasi utente in piena corsa vive di palpitazioni, con l’ansia di una brutta sorpresa una volta aperta l’applicazione. Un riferimento, ovviamente, che vale per tutti coloro che sono dal centro classifica in poi considerando che i primi 40.000 sono in una posizione ancora di comfort nonostante tutto. Gli altri, invece, ora rischiano maledettamente. E l’ultima amara sorpresa arriva proprio questa domenica: sono infatti 261 le operazioni dell’attuale 100.000esimo in classifica, col vantaggio di chi è davanti che diminuisce ancor di più.

Potrebbe interessarti anche —-> Cashback, nuova opzione: ora spunta un rimborso di 700€

Serviranno di fatto almeno 5 acquisti al giorno per tenere il passo e non rischiare di essere risucchiati in basso. Il tutto per una proiezione estiva di almeno 500 acquisti ma che va dritta verso i 700 totali. Nel mezzo c’è sempre la parentesi furbetti da capire se sarà risolta o meno: il Ministero dell’Economia ha da tempo promesso duri interventi con immediate squalifiche per tutti coloro che hanno abusato in questo 2021, ma per il momento non c’è traccia di interventi. Dovessero effettivamente esserci a stretto giro, allora si creerebbe un vuoto in classifica che rimetterebbe dentro anche chi per ora è a rischio esclusione o chi – dopo l’accelerata di questi giorni – è già fuori.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui