Supercashback, assurdo: scoperta choc in queste ore

0

Supercashback, assurdo in Italia in queste ore: c’è una scoperta che fa infuriare tutti gli utenti 

cashback GOVERNO DRAGHI
(Pixabay)

Non sono stati presi ancora provvedimenti al momento contro i famigerati furbetti del cashback, e nel frattempo questi si sentono ancora in diritto di agire nel modo più sconsiderato possibile pur di accumulare e accumulare operazioni utili per i 1.500 euro finali.

Leggi anche —-> Supercashback, sorpresa choc: controllate subito sull’app

Supercashback, assurdo: i furbetti colpiscono ancora

Cashback
Ecco quante transazioni serviranno per scalare la classifica (Pixabay)

L’ultimissimo episodio choc si è verificato a Gorizia, dove la titolare di una stazione di servizio ha trovato addirittura 84 scontrini, relativi ad altrettante operazioni col bancomat, per appena 9 euro di carburante. Sì, avete capito bene: appena 9. Non si parla nemmeno di pieno (e nemmeno sarebbe stato giustificato ovviamente), ma di una minima aggiunta di benzina al proprio veicolo.

Leggi anche —-> Cashback, nuova opzione: ora spunta un rimborso di 700€

La beffa è che l’esposto che la donna ha giustamente avanzato alla Guardia di Finanza, come accaduto per altre situazioni, quasi sicuramente cadrà nel vuoto e senza provvedimenti per il responsabile. Nonostante quest’ultimo sia stato anche identificato grazie alle telecamere di sicurezza e alla targa della sua vettura, difficilmente ci saranno interventi poiché in realtà tale condotta – per quanto assurda e scorretta – in realtà non comporta alcuna violazione specifica.

E sarà questa, di fatto, una delle primissime regole da sistemare appena questa prima – e forse unica – maratona terminerà. Se a luglio dovesse esserci a sorpresa una riconferma del supercashback, andranno sistemate tutte quelle falle che hanno portato a una serie di mosse scorrette pur di assicurarsi i 1.500€.

Oltre agli assalti ai benzinai, bisognerà dare una limitazione per quanto concerne le transazioni presso una stessa attività e una soglia minima economica per evitare operazioni anche di pochi centesimi. Già solo con questi due interventi, ma potrebbero essercene comunque altri volendo, si andrebbe a risistemare un programma partito anche con ottime intenzioni ma che finora sta favorendo soprattutto chi è in malafede e gioca sporco.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui