La Pietra (Fd’I) a iNews24: “Copasir, dispiace che la Lega non abbia una posizione chiara”

Il senatore di Fd’I, Patrizio Giacomo La Pietra, attacca il governo per la gestione sanitaria ed economica della crisi: “Non hanno fatto nulla, non c’è alcun cambio di passo”. Sullo scontro con la Lega per l’assegnazione della presidenza del Copasir, l’esponente di Fratelli d’Italia evita di alimentare le polemiche: “Speriamo che ci sia presto un ripensamento da parte loro”, mentre lancia un appello alla coalizione in vista delle amministrative: “Nessuna conflittualità, ma una sana competizione che fa bene al centrodestra”

0
Patrizio La Pietra
Patrizio La Pietra (@Facebook)

Oltre alla crisi sanitaria anche la tensione sociale si sta facendo sentire, come dimostrano le proteste dei ristoratori a Montecitorio, culminate con degli scontri tra manifestanti e forze dell’ordine. Lei come giudica questa fase?

“Fermo restando la condanna per ogni atto di violenza che è scontata e doverosa, è chiaro chi oggi ha un’impresa, un ristorante, un bar, una palestra, sta vivendo un’estrema difficoltà ed è normale che cerchi di manifestare questa sofferenza. Questo governo non solo non è riuscito a mantenere la situazione sotto controllo dal punto di vista sanitario, ma nemmeno ad avere un atteggiamento risolutivo per quanto riguarda la crisi economica, e i risultati sono sotto gli occhi di tutti”

Continuate a registrare quella continuità con il precedente governo?

“Mi sembra evidente come non ci sia stato alcun tipo di cambiamento. Le linee del governo sono sempre le solite e anche i mezzi sono gli stessi, dal momento che ancora si va avanti con i Dpcm. Il caso più eclatante è il PNRR che è esattamente uguale a quello presentato da Conte a gennaio. Anche sull’immigrazione il governo Draghi non ha ancora fatto nulla e oggi ci ritroviamo con gli sbarchi triplicati rispetto allo scorso anno. Non c’è stato nessun cambio di passo e direi che la nostra scelta di non far parte di questo esecutivo, non solo era motivata, ma ormai pienamente giustificata”

Lo scontro con la Lega sul Copasir

Caso Gregoretti Salvini
Meloni e Salvini (Getty Images)

Sul fronte interno al centrodestra ci sono alcune questioni in ballo. Sul Copasir ad esempio lo scontro con la Lega è ormai palese…

“Dispiace che la Lega in questo momento non abbia una posizione chiara, perché la nostra non è la volontà di ottenere una poltrona in più, ma una battaglia per la legalità e per l’applicazione di una  legge dello stato che stabilisce che la presidenza del Copasir sia affidata all’opposizione. Oggi riguarda noi, ma domani potrebbe toccare a qualcun altro, che sia la Lega o il Pd. Ne facciamo una questione di principio che deve valere per tutti”

Diplomazia a parte, in realtà una posizione chiara la Lega l’ha espressa: non vogliono cedervi la presidenza.

“Purtroppo è vero e ci dispiace. Speriamo che ci sia presto un ripensamento da parte loro”

Un rapporto quello con la Lega che rischia di incrinarsi anche in vista delle prossime elezioni amministrative dove, almeno nelle grandi città, il centrodestra non ha ancora trovato un accordo sui candidati.

“Stiamo lavorando per tenere comunque il centrodestra unito. Non è la prima volta nel corso degli anni che nella coalizione si assumono posizioni  diverse rispetto ai governi che si sono succeduti, ma sui territori e nelle battaglie che contavano abbiamo sempre mantenuto l’unità. Crediamo fortemente nel valore aggiunto della compattezza del centrodestra e grazie e a questa alleanza già governiamo in tante città, regioni e province italiane”

Vero, però non c’è mai stato nemmeno un livello così alto di contendibilità della leadership nel centrodestra, mentre oggi Lega e Fd’I sono separate da una manciata di punti percentuali. Sicuri che non ci saranno ripercussioni nella coalizione?

“Per quanto ci riguarda, abbiamo sempre mantenuto la stessa posizione anche quando avevamo l’1,5% delle preferenze e continuiamo a farlo oggi che i sondaggi ci danno al 17%. Non vedo una conflittualità che possa rompere l’alleanza, al massimo una sana competizione che sarà in grado far crescere tutto il centrodestra  nel suo complesso”

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui