Gianni Morandi racconta il suo dramma: “Un dolore fortissimo”

0

Gianni Morandi sta passando la Pasqua in ospedale e racconta il suo dramma. Nemmeno lui pensava ad un incidente così grave

(Instagram Gianni Morandi)

Il suo sorriso lo conosciamo bene, è coinvolgente e travolgente. E così ha voluto mostrarsi anche oggi con un post dall’Ospedale Bufalini nel quale è ricoverato. Ma Gianni Morandi ancora non sta bene e non sa nemmeno come potrà andare la ripresa.

Gianni Morandi ancora ricoverato in ospedale ha raccontato oggi al ‘Resto del Carlino’ il suol dramma personale. Nemmeno lui immaginava che l’incidente domestico mentre cercava di bruciare alcune sterpaglie dietro casa avrebbe prodotto effetti così drammatici sul suo fisico. Invece è lì dall’11 marzo e deve aspettare ancora.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Gianni Morandi, messaggio di auguri dall’ospedale: le sue condizioni

Gianni Morandi racconta come si è salvato dalle fiamme: ma è difficile guarire dalle ustioni

Secondo quanto gli hanno detto gli specialisti che lo hanno un cura, servirà almeno una decina di giorni prima delle dimissioni. Poi la riabilitazione che non si annuncia facile. Ha bruciature sul 15% del corpo, soprattutto nella zona delle mani, delle gambe e persino ad un orecchio. Prova ancora un dolore forte e confessa che quando gli cambiano le medicazioni lo devono addormentare.

“Con il passare dei giorni mi spavento sempre di più. Perché mi rendo conto del rischio che ho corso e di quanto sono stato fortunato. Prima di tutto, ho salvato la vita. Quando cadi dentro ad una buca così, mentre spingi dentro un tronco che pensi faccia resistenza, e ti trovi in mezzo alle braci, con le fiamme intorno, è una cosa tremenda”.

(Instagram Gianni Morandi)

Per salvarsi ha afferrato un ramo che bruciava ed è riuscito a non riportare ustioni in faccia. Ecco perché è certo che qualcuno lassù lo abbia protetto. Ora aspetta le dimissioni, la fisioterapia e il tempo che gli darà sollievo.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui