Parigi, la Senna è al limite: l’acqua ha raggiunto livelli vertiginosi

0

Parigi, la Senna è al limite: l’acqua ha raggiunto livelli vertiginosi. Le abbondanti piogge degli ultimi giorni stanno mettendo a serio rischio gli argini

Senna Parigi
Parigi, la Senna è al limite: l’acqua ha raggiunto livelli vertiginosi (Foto: Getty)

Le abbondanti piogge che stanno cadendo sulla Francia in questi giorni, e in particolar modo nella zona di Parigi, stanno ingrossando a dismisura la Senna. Secondo quanto diffuso da Meteo France, sono previste ancora precipitazioni nella seconda parte della settimana, dopo una tregua tra martedì e mercoledì. I terreni e gli argini del fiume della capitale sono ormai saturi e mettono a rischio esondazione alcuni tratti della città. Le autorità hanno diffuso un allarme meteo arancione e rimangono vigili sull’evolversi della situazione.

La situazione metereologica avversa ha coinvolto anche altre città nel week end. Un uomo di 70 anni è morto annegato nella regione settentrionale dell’Hauts-de-France, catturato dalla forza delle acque del fiume Sambre.

LEGGI ANCHE >>> Meteo, torna l’anticiclone: temperature primaverili sull’Italia

LEGGI ANCHE >>> Covid Usa, 110.679 nuovi casi e 3.389 morti: preoccupa la variante inglese

Parigi, la Senna è al limite: rischio esondazione in diversi punti

La Senna
Parigi, la Senna è al limite: l’acqua ha raggiunto livelli vertiginosi (Foto: Getty)

La situazione potrebbe peggiorare nei prossimi giorni, secondo Vigicrue, l’agenzia pubblica francese che monitora le inondazioni. Sono previste delle forti precipitazioni venerdì e sabato e il livello delle acque potrebbe salire ulteriormente.

A Parigi le rive della Senna si erano già riversate in diversi punti domenica, con i passanti costretti ad evitare alcuni tratti del lungo fiume. Le autorità rimangono vigili e in controllo, sottolineando che fino a questo momento non sono stati registrati danni degni di nota. Un livello così alto delle acque del fiume della capitale francese non si registrava dal lontano 1910.

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui