Flavio Insinna fa sentire la sua voce: messaggio inaspettato – VIDEO

0

Un messaggio di vicinanza a tutti i lavoratori, Flavio Insinna si schiera dalla parte degli Invisibili in Movimento 

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Flavio Insinna (@flavioinsinna_)

Flavio Insinna si schiera apertamente con i lavoratori ed in particolare quelli della Whirlpool di Napoli: “Il lavoro è un diritto, lo dice la nostra splendida Costituzione. Nessuno deve essere escluso, nessuno deve essere invisibile. Per questo io sostengo la comunità degli Invisibili in Movimento con Aboubakar Soumahoro. Ripeto: nessuno deve essere invisibile”.

LEGGI ANCHE > > > ‘Ndrangheta, arrestato il latitante Domenico Cracolici: l’operazione

Un messaggio forte e deciso dai piani alti della Rai nella persona del conduttore romano spesso volto di tantissime manifestazioni e proteste. Flavio Insinna è uno dei pochi della TV che rimarca costantemente il settore dello spettacolo come quello allo stremo a causa della pandemia ed è uno dei pochi a dedicargli, quasi sempre, un pensiero.

Flavio Insinna, il messaggio per Whirlpool Napoli: la situazione

Flavio Insinna su Whirlpool Napoli
Whirlpool Napoli (@GettyImages)

È previsto per oggi alle 11 la marcia allo stabilimento Whirlpool di Napoli con gli operati e la partecipazione – seppur virtuale – di volti noti quali Mimmo Lucano, Flavio Insinna, Sonia Bergamasco e Roy Paci. Gli Invisibili in Movimento, guidati da Aboubakar Soumahoro hanno deciso di riunirsi oggi per dar voce alla loro situazione.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE > > > Striscia la Notizia, morto Matteo Troiano conosciuto come ‘Pavarotto’

L’attivista ha dichiarato: “Insegnanti precari, operatori sanitari sfruttati, lavoratori delle partite Iva, autotrasportatori, lavoratori delle campagne e delle città schiacciati dalla violenza degli algoritmi, coloro che cercano un lavoro, tutti quelli che vivono diverse forme di fragilità e tanti altri, ci incontreremo a Napoli il 30 gennaio, per parlare della precarietà, del lavoro che c’è e di quello che è stato distrutto”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui