Omicidio Kennedy, 5 cose che non sai sulla sua morte

0

Nonostante siano passati tanti anni, la morte di John F. Kennedy resta un mistero. Cos’è realmente successo quel giorno? 

Era il 22 novembre 1963 quando John F. Kennedy, allora presidente degli Stati Uniti, venne ucciso da Lee Harvey Oswald mentre si trovava in visita a Dallas a bordo di una cabriolet con la moglie Jaqueline.

È stato uno dei presidenti più amati dagli americani, ma non tutti stra vedevano per lui. Nonostante abbia fatto molte cose per gli States e per i suoi abitanti, all’età di 46 anni ha esalato il suo ultimo respiro a causa di tre, o quattro proiettili. Ma la sua morte è un vero mistero e ancora oggi sul suo omicidio aleggiano molte ombre. A mezzo secolo di distanza riproponiamo alcuni dettagli relativi sulla sua morte.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE QUESTO ARTICOLO >>> Napoleone Bonaparte, che fine ha fatto il suo pene: la scoperta

Omicidio Kennedy, 5 cose che non sai sulla sua morte

  1. John F. Kennedy non è stato il primo presidente nella storia degli Stati Uniti ad essere assassinato. Prima di lui Abraham Lincoln, James Garfield e William McKinley.
  2. Ad uccidere il Presidente sono stati tre o quattro colpi? Oswald avrebbe sparato tre colpi in un tempo record: 6,75 secondi. Secondo alcuni è un tempo da non prendere in considerazione, ma un documentario mandato in onda su CBS ha dimostrato il contrario. Gli esperti hanno cronometrato un tempo medio di 5,6 secondi per sparare tre colpi. Comunque aleggia un mistero perché alcuni testimoni oculari affermarono di aver udito anche un quarto colpo, sparato da una collinetta adiacente.
  3. La finestra dalla quale sparò i tre colpi Oswald, quella del deposito di libri della Texas School di Dallas, è stata prima smontata e poi messa in vendita su eBay.
  4. L’abito indossato da JFK il giorno dell’omicidio fu prelevato dagli investigatori e messo al sicuro nell’archivio nazionale. Tutt’oggi si trova ancora lì e non è mai stato lavato.
  5. Abraham Zapruder, colui che riprese l’omicidio con la sua telecamera, venne contattato dalla rivista Life e cedette a loro il video per 150 mila dollari. La pellicola venne poi trasmessa in TV solo 12 anni dopo l’omicidio dalla rete ABC.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui