Covid, l’obiettivo di Locatelli: “Medici ed infermieri immuni per febbraio”

0

Continuano le vaccinazioni contro il Covid, con Locatelli che annuncia il suo obiettivo: medici, infermieri ed operatori delle Rsa immuni per Febbraio.

Covid Locatelli
Continuano le vaccinazioni, con il nuovo obiettivo (Foto: Getty)

Proseguono le vaccinazioni in Italia contro il Covid-19 e nonostanti dubbi e critiche, il paese italiano è seconda in Europa per somministrazioni, dietro alla sola Germania. Le vaccinazioni proseguono a gonfie vele e con l’arrivo di nuovi farmaci la fine del tunnel è sempre più vicina. La giornata di ieri, infatti, è stata storica per l’Ue, che dopo la revisione dell‘Ema, ha deciso di approvare anche il vaccino di Moderna, la seconda arma contro la pandemia.

POTREBBE INTERESSARTI >>> Vaccino Moderna, Sileri: “Ora serve una strategia unica per l’Ue”

Con ben 321.077 vaccinazioni su 490mila dosi consegnate da Pfizer, l’Italia si avvia per concludere le prime dosi del vaccino. Così torna a parlare Franco Locatelli, presidente del Consiglio superiore di sanità e frontman del Comitato Tecnico Scientifico. Locatelli ai microfoni ha annunciato il suo nuovo obiettivo: vaccinare tutti i medici, infermieri ed operatori sanitari entro febbraio.

Il presidente del Css è soddisfatto, specialmente dopo le critiche ricevute la mattina del 3 gennaio, quando i vaccini somministrati erano appena 84 mila. In tre giorni l’Italia ha dato una notevole accellerata, con 190mila vaccini somministrati e tantissimi medici, infermieri ed operatori sanitari immunizzati contro il virus. Andiamo quindi a vedere il prossimo obiettivo prefissato da Locatelli.

Covid, Locatelli soddisfatto: “Solo con Pfizer e Moderna 62 milioni di dosi nel 2021”

Covid Locatelli
Le parole del presidente del Cosiglio Supperiore della Sanità (via Getty Images)

L’approvazione del vaccino di Moderna, per Locatelli è stato il regalo più bello arrivato dalla Befana. Infatti ad oggi abbiamo già due vaccini super efficaci contro la pandemia. Inoltre i bollettini degli ultimi giorni non hanno fatto registrare impennate di casi, con il tasso di positività che resta fissa al 11,4%.

POTREBBE INTERESSARTI >>>

Lo stesso Locatelli ha affermato: “Solo con Pfizer e Modernaarriveremo a 62 milioni di dosi nel 2021, la maggior parte delle quali nel primo semestre. Così si raggiungerà quota 31 milioni di italiani immunizzati dopo prima e seconda dose, solo con questi due vaccini“.

Infine Franco Locatelli ha fatto il punto anche sulla Lombardia e sul suo ritardo riguardante i vaccini. Locatelli ha evitato ogni tipo di polemica, annunciando solamente che per la regione più colpita dalla pandemia ci sono ampi margini di miglioramento. Infine il presidente del Css, a chi dice che l’Italia sta andando male sul fronte vaccini, ha ricordato che ad oggi il paese ha già somministrato oltre 321mila dosi, arrivando così al secondo posto in Europa.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui