Vaccino Covid, Arcuri: “Arriva stasera, Pfizer ha cambiato calendario”

0

Vaccino Covid, il commissario Arcuri ha dichiarato che le prime 470mila dosi arriveranno in Italia questa sera

vaccino covid
La consegna in Italia slitta a stasera (Getty Images)

Slitta il piano di consegna della prima tranche da 470mila dosi di vaccino anti Covid. Lo ha dichiarato poco fa il commissario straordinario per l’emergenza Covid Domenico Arcuri. “Le 469.950 dosi arriveranno nella tarda serata di oggi. Sarà poi l’azienda Pfizer stessa a procedere con la consegna nei siti posti su tutto il territoriole sue parole: “Il vaccino anti Covid dovrebbe essere pronto per la somministrazione già da domani mattina“.

Un ritardo sulla tabella di marcia, che indicava per oggi la consegna della prima tranche. “Pfizer ha comunicato agli Uffici del Commissario il nuovo calendario per la consegna dei vaccini in Italia. Questo piccolo ritardo è legato solo a questa settimana, poi le consegne proseguiranno anche nella giornata del 31 dicembre” ha concluso il commissario Arcuri.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Vaccino AstraZeneca, Ema: “Improbabile via libera già a gennaio”

Vaccino Covid, Vaticano: “Questo non giustifica l’aborto”

Vaccino Covid
Anche il Vaticano si è espresso a riguardo (Getty Images)

Sul tema vaccino anti Covid è intervenuto anche il Vaticano, che ha pubblicato una nota ufficiale in merito. “Le vaccinazioni clinicamente consigliate possono essere applicate. Il tutto con coscienza sicura che il ricorso a questi farmaci non significhi giustificare l’aborto volontario” è quanto sottolineato dalla Commissione vaticana: “Il vaccino per tutti, così da avere un mondo più giusto e sano“.

FORSE TI INTERESSA ANCHE >>> Covid-19, Sileri avvisa: “Il vaccino diventerà obbligatorio in un caso” 

Il rifiuto alla vaccinazione costituisce un rischio anche per gli altri, c’è una responsabilità morale a riguardo” ha poi continuato il Vaticano nella nota: “Bisogna ribadire quanto questa tematica implichi un rapporto tra la salute propria e quella pubblica, c’è una stretta interdipendenza. Bisogna prendere una decisione responsabile“.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui