Reggio Calabria, sciopero e corteo dei migranti: “Non siamo braccia, ma uomini”

0

In provincia di Reggio Calabria, i migranti hanno deciso di indire uno sciopero dopo la morte di un loro connazionale investito. 

Getty Images

Hanno deciso di scendere in piazza per protestare dopo che un loro connazionale di nome Gassama Gora era stato investito e stato ucciso a Gioia Tauro. L’investitore oltretutto non si era nemmeno fermato a prestare soccorso, ed era stato rintracciato qualche ora dopo dalle forze dell’ordine. È così i braccianti che vivono nella tendopoli di San Ferdinando hanno organizzato un corteo per chiedere non solo giustizia, ma anche casa, diritti e dignità. Ai microfoni dell’Ansa, uno degli organizzatori della manifestazione ha spiegato che “oggi nessuno va al lavoro perché un amico e fratello, dopo una vita di razzismo e sfruttamento, da quel razzismo è stato ucciso. La rabbia è troppa, non restare zitti, scendere in strada per ricordare Gora e lottare contro tutto questo è l’unica arma che ci resta”. 

Leggi anche: Covid, l’appello di Papa Francesco: “Basta lamentarsi delle restrizioni”

Reggio Calabria, sciopero migranti: lettera aperta alle istituzioni

Getty Images

I migranti hanno inoltre scritto una lettera aperta alle istituzioni affinché morti come quella di Gora si possano evitare. Un episodio che evidentemente ha catalizzato la sofferenza di queste persone, costrette a una vita difficilissima e con un lavoro retribuito ben sotto il salario medio stabilito dalla legge.

Leggi anche: Sedicenni investite a Roma, Pietro Genovese condannato a 8 anni

Per questo si legge nella lettera che “per tutta la giornata di oggi noi lavoratori della terra saremo in sciopero. Non troverete nessuno di noi nei campi, nei magazzini e nelle serre. Siamo stanchi di essere sfruttati e ammazzati dagli stessi che di giorno ci obbligano a lavorare senza contratti né garanzie nei campi, a vivere come animali e la sera ci tirano giù come birilli, perché la vita di un africano non conta. Non siamo braccia, siamo uomini”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui