Crisi di governo, Renzi mantiene linea dura dopo incontro con Conte

0

Crisi di governo, l’incontro che si è tenuto tra Renzi e il premier Conte non sembra aver ammorbidito il leader di Italia Viva. 

Getty Images

Ieri sera Matteo Renzi ha avuto un confronto di circa quaranta minuti con il Presidente del Consiglio Giuseppe Conte. Un incontro importante, considerato quanto sia alta la tensione all’interno della maggioranza dopo che Italia Viva ha iniziato a paventare una possibile crisi di governo. E così ieri i due politici si sono incontrati e Renzi avrebbe sostanzialmente dettato al premier le sue condizioni per continuare a sostenere l’esecutivo. E une delle ipotesi sul tavolo, sarebbe quella di un possibile rimpasto per placare i malumori di Italia Viva. Il Partito Democratico sembra soffrire questa improvvisa fermezza di Renzi, con l’esponente dem Andrea orlando che ha lanciato un appello affinché si trovi una sintesi e si eviti a tutti i costi di far cadere il governo. 

Leggi anche: Crisi di governo, l’opposizione pensa a Draghi per il dopo Conte

Crisi di governo, ipotesi Conte Ter

Getty Images

Orlando però, non ha escluso la possibilità che un Conte Ter possa essere una soluzione necessaria al prosieguo della legislatura. Italia Viva in ogni caso non ha arretrato nella sua posizione nemmeno dopo questo incontro. Nella giornata di oggi infatti la Ministra Bellanova, capo delegazione di Italia Viva, ha rilasciato un’intervista in cui ha affermato senza mezzi termini che è pronta alle dimissioni se il governo non fornirà delle risposte concrete alle critiche mosse dal suo partito: “Abbiamo rappresentato al presidente le nostre argomentazioni. Ora aspettiamo che faccia una riflessione per vedere se ci sono le condizioni per continuare a lavorare con un programma ulteriore”.  Renzi dal canto suo non semvra aver intenzioni di ammorbidire la linea se alcune delle sue proposte non saranno accettate.

Leggi anche: Marcucci (PD) a iNews24: “Non esiste una maggioranza alternativa a questa”

Ai suoi deputati avrebbe infatti detto che a questa volta rispetto al passato non si fermerà e che si attende adesso una risposta chiara da parte di Conte già dai primi di gennaio.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui