Peschereccio Medinea, armatore a iNews24: “Siamo aspettando che partano”

Marco Marrone, armatore del peschereccio Medinea, sequestrato in Libia: “Come devo stare, siamo tutti felicissimi”, ha detto dall'aula consiliare del Comune di Mazara del Vallo.

0

Marco Marrone, armatore e proprietario del peschereccio Medinea, sequestrato in Libia: “Come devo stare, siamo tutti felicissimi”, ha detto dall’aula consiliare del Comune di Mazara del Vallo, dov’è riunito insieme al vescovo, al sindaco e ai familiari dei diciotto pescatori. Notte e giorno, in questi mesi, ha cercato di tenere un canale di comunicazione con i pescatori a Bengasi.

LEGGI ANCHE: Peschereccio Medinea, madre del comandante a iNews24: “Il più bel Natale della mia vita”

Come si sente?
Siamo tutti molto felici. Siamo in aula consiliare insieme ai nostri concittadini, il sindaco e il vescovo. Quando abbiamo saputo della liberazione dei pescatori, abbiamo festeggiato e adesso aspettiamo che tornino”;

Libia pescatori
Libia pescatori

Ha avuto notizie da loro?
Ho sentito il capitano del Medinea, a breve accenderanno i motori per partire. Aspettiamo da un momento all’altro che ci chiamino per dirci che sono partiti. Dovrebbero arrivare domenica mattina”;

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE: Terremoto Milano, scossa di magnitudo 3.8: le ultime

Medinea, i familiari e degli armatori a Montecitorio

Come avete vissuto questi mesi?
Eravamo preoccupati e disperati. Qualche volta ci siamo sentiti abbandonati, ma oggi ci sentiamo rincuorati. Siamo stati a Montecitorio per cinquantacinque giorni, notte e giorno, sotto al sole, con la pioggia, sempre. Nel tentativo di incentivare il governo a riportare i diciotto pescatori a casa. Da un mesetto siamo tornati a Mazara e adesso, ecco bella notizia”;

LEGGI ANCHE: Marcucci (PD) a iNews24: “Non esiste una maggioranza alternativa a questa”

Sa qualcosa sulla pretesa dei miliziani di Haftar di riavere indietro i quattro “calciatori” libici in carcere in Italia, in cambio dei diciotto pescatori?
Non ne sappiamo nulla, non ci interessa, volevamo solo che li liberassero”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui