Scuola, Milano studia il piano: ingressi scaglionati e trasporti ad hoc

0

Si torna a parlare del rientro a scuola e Milano studia il piano. Sono diverse le novità tra ingressi scaglionati e trasporti ad hoc.

Scuola Milano
Il capoluogo lombardo studia il piano (Foto: Getty)

La prima città a stilare un piano concreto per il rientro a scuola c’è Milano. Infatti il capoluogo della Lombardia permetterà agli studenti di tornare in classe già dal 7 gennaio e si studiano tre fasce orarie per gli ingressi. Infatti per gli istituti meneghini la prima campanella suonerà alle 8, per altri alle 9 mentre invece l’ultima campanella suonerà alle 10. A lavorare al nuovo piano ci sta pensando il prefetto Renato Saccone, il tutto per evitare che gli studenti affolino i mezzi pubblici.

Sarà importantissimo infatti evitare nuovi assembramenti, per evitare che la curva dei contagi risalga nuovamente e vertiginosamente. Più che un timore, infatti, questo rimane un quadro concreto, vista la grandissima risalita del mese di settembre e che portò alla didattica a distanza. Il tutto perchè dall’anno nuovo torneranno in classe oltre 60mila studenti milanesi. Per permettere meno assembramenti, Milano sta cercando di intensificare le corse di tram e metrò, andiamo a vedere cosa sta succedendo.

POTREBBE INTERESSARTI >>> Mes, c’è intesa nella maggioranza: cresce la tensione sul Recovery

Scuola, Milano intensifica le corse dei mezzi: cosa sta succedendo

Scuola Milano
Il piano milanese per la riapertura degli istituti (Foto: Facebook)

Milano è pronta ad accordarsi con l’Atm visto che oltre 45mila studenti usano il tram come mezzo di trasporto. Una volta stabilito l’accordo il comune di Milano studierà con i tecnici Atm gli accorgimenti per trasportare gli studenti senza creare occasioni di affollamento. Stando a voci interne, dovrebbe essere tutto pronto per la riapertura degli istituti.

POTREBBE INTERESSARTI >>> Marattin a iNews24: “Crisi di governo, a volte è il male minore”

A parlare sul piano ci ha pensato l’assessore alla Mobilità Marco Granelli, che ha affermato: “Vogliamo e dobbiamo riaprire le scuole senza doverle poi richiudere nuovamente e stavolta non possiamo lasciare nulla al caso”. Granelli ha ricordaato che l’ora di punta per quanto riguarda il possibile affollamento sarà tra le 8 e le 9 del mattino. Inoltre ad oggi sono 11 i poli scolastici più critici, con ben 1200-1500 gli studenti pronti a prendere i mezzi per quell’ora.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui