Non si possono prenotare treni dopo il 12 dicembre: Trenitalia e Ntv sanno che ci sarà un nuovo lockdown?

0

Ci sarà un nuovo lockdown nazionale il 13 dicembre e Trenitalia e Ntv lo sanno, infatti non è possibile prenotare treni interregionali su internet. Questa è la teoria che sta rimbalzando sulla rete raccolta da Dagospia.

trenitalia

Prenotare un Frecciarossa o un Italo dopo il 12 dicembre sul sito delle due compagnie è impossibile. Non si possono scegliere date oltre quella, oppure si riceve il messaggio che non esistono soluzioni disponibili.

L’esperimento compiuto da Dagospia e da moltissimi altri utenti è stato fatto per le tratte Roma-Milano, così il sito di D’Agostino si chiede se Trenitalia e Ntv siano a conoscenza della volontà del governo di vietare gli spostamenti tra le regioni in vista di un lockdown natalizio.

La risposta delle due compagnie è che bisogna aggiornare i calendari per il passaggio dall’orario estivo a quello invernale. Una cosa che avviene tutti gli anni, ma che stavolta è stata ritardata proprio per adeguarsi al momento particolare e alla pandemia da Covid19.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE > > > Coronavirus in India, positivo il Ministro degli Interni

Natale in lockdown

Secondo Dagospia, però, questa sarebbe una bufala. Il sito ricorda che è stato sempre possibile prenotare i treni con mesi di anticipo, soprattutto per risparmiare sulle più costose tariffe natalizie. L’ipotesi avanzata è che la prenotazione dei treni sia stata resa impossibile proprio per non dover poi annullare i tantissimi biglietti già acquistati e conseguentemente rimborsarli.

Nonostante le precisazioni delle due compagnie, sulla rete i complottisti si sono già scatenati e da giorni è tutto un fioccare su Facebook della profezia di un lockdown programmato: “Provate a prenotare un treno il 13 dicembre, non è possibile. Sveglia!” scrive Alessandro sul noto social network. Gli fanno eco centinaia di altri utenti secondo cui il governo avrebbe intenzione di seguire i consigli del virologo Andrea Crisanti e chiudere tutte le attività lavorative proprio sotto le feste natalizie.

Nello stesso momento, però uno studio della rivista Lancet specifica che un lockdown totale non è la misura più efficace per contrastare la diffusione del Covid19. Secondo i ricercatori, sarebbero più incisive la chiusura delle scuole e quella degli eventi pubblici. Costringere le persone a restare in casa ha una scarsa influenza sulla diffusione del virus.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui