Incendi in California, chiude parco dello Yosemite per l’aria pericolosa

Incendi in California, continua il dramma negli Stati Uniti. Le autorità hanno deciso anche per la chiusura del parco dello Yosemite per la presenza di aria tossica dopo i roghi devastanti. Nel frattempo è ancora allerta massima nello Stato americano. 

(Getty Images)

Gli incendi in California continuano a devastare il territorio senza pietà, con una criticità ancora massima nello Stato americano. Da una parte le fiamme che continuano ad irrompere senza sosta, dall’altra ora il fumo e le sostanze tossiche che anche hanno fatto scattare l’allarme. Ed è proprio per questo, per esempio, che si è deciso per la chiusura inderogabile del parco nazionale di Yosemite.

Potrebbe interessarti anche —-> TikTok e We Chat, gli Stati Uniti oscurano tutto

incendi california
 (Getty Images)

Incendi in California, aria tossica nell’ambiente

I vari gas sprigionatisi, infatti, hanno reso la qualità dell’aria altamente pericolosa anche in una delle zone verdi più famose del Paese. Al momento – come riferisce la stampa nazionale – non c’è previsione di riapertura. La situazione andrà monitorata di settimana in settimana, finché non potrà esserci un via libera nella sicurezza più totale.

Nel frattempo il fuoco non si placa. L’incendio più grande, per il quale ci sono migliaia di vigili del fuoco a lavoro, è contenuto solo al 18%. A est di Los Angeles, in un altro incendio, è morto un vigile del fuoco quest’oggi. Un’altra vita che si somma a un bilancio di oltre 30 vittime, tantissimi feriti e dispersi e migliaia di sfollati. Insomma, un incubo totale. Un vero inferno. E la corsa contro il tempo continua…

Leggi anche —-> Coronavirus, Usa: nuovo scontro Trump-Biden sul vaccino