Nuova Zelanda in recessione: crolla il Pil nazionale

0
4

Nuova Zelanda in recessione: è questo l’annuncio che giunge stamane dall’isola oceanica. La nazione paga a carissimo prezzo il lockdown recente e la chiusura dei confini. Ecco cosa sta succedendo. 

Nuova Zelanda in recessione

La Nuova Zelanda, causa crisi economica da Covid-19, è ufficialmente in recessione. A confermarlo è il calo record dell’ultimo trimestre confermato oggi dai dati ufficiali. Secondo quanto si evince, infatti, si registra una discesa del 12.2% del Pil. Si tratta di fatto della più grande curva discendente mai registrato nel Paese oceanico come confermato dall’agenzia nazionale di statistica.

Borsa
 (via Pixabay)

Nuova Zelanda in recessione

E’ stato ovviamente il lockdown ad arrecare tale danno. Il periodo di riferimento va appunto da aprila a maggio, proprio quando nella nazione c’è stata la chiusura totale a causa del picco della pandemia in corso. A peggiorare la situazione, poi, è stata anche la chiusura dei confini nazionali dal 19 marzo, la cui decisione anche ha avuto un impatto enorme su svariati settori dell’economia.

Potrebbe interessarti anche —-> Coronavirus, Trump rilancia: “Vaccino possibile a partire da ottobre”

Queste misure drastiche, tuttavia, hanno al contempo salvaguardato la nazione sul piano sanitario. Perché al di là dei vantaggi logistici di base, le suddette restrizioni hanno comunque permesso che il coronavirus non si diffondesse minacciosamente lungo il territorio. I casi certificati, totali, sono appena 1.809 per appena 25 decessi. Numeri assolutamente di lusso rispetto, ad esempio, agli scenari europei e soprattutto americani.

Leggi anche —-> Covid-19, Johnson esclude un nuovo lockdown nel Regno Unito 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui