Sciopero delle scuole il 24 e 25 settembre, problemi per la Campania

Ulteriori problemi per la riapertura delle scuole in Campania, prevista il 24 settembre, vista l’indizione di uno sciopero di due giorni fino al 25

studente positivo covid

Nemmeno il tempo di ricominciare che viene indetto il primo sciopero delle scuole, previsto per il 24 e 25 settembre prossimi. Valido in tutto il paese, è stato disposto da USB PI, UNICOBAS Scuola e Università e CUB Scuola Università e Ricerca (solo 25 settembre). Lo sciopero coinvolgerà il personale docente, ATA, educativo e dirigente in Italia e all’estero. Problemi per la Campania che riaprirà le aule delle scuole proprio il 24. C’è inoltre da dire che molti studenti resteranno a casa il 21 e 22 settembre a causa del referendum sul taglio dei parlamentari, ma anche per le varie elezioni regionali e comunali.

LEGGI ANCHE—> Berlusconi dopo il Covid: “Ho pensato di morire, ho temuto il peggio”

Sciopero scuole, le rivendicazioni del sindacato

Elezioni scuola

Diverse sono le rivendicazioni dei sindacati che, dopo l’incontro online di ieri indetto dall’Unicobas, ha stilato i punti principali alla base dello sciopero:

  • Max. 15 alunni in ogni classe
  • Assunzione di 240mila insegnanti
  • Concorso accessibile a tutti e tramite il quale stabilizzare 150mila precari con 3 anni di servizio
  • Aumentare il personale della scuola dell’infanzia
  • Assunzione di almeno 50mila collaboratori scolastici per coprire vuoti di organico per la vigilanza.
  • Aumentare di 20mila unità assistenti amministrativi e assistenti tecnici.

Per i sindacati le risorse andranno prese dal Recovery Fund e serviranno almeno 7 miliardi per le assunzioni, 7 per il contratto ultra-scaduto e 13 per un piano pluriennale di sicurezza per l’edilizia scolastica. Questo è quanto riferito da QuiFinanza.

 

LEGGI ANCHE—> Ancona, grande incendio al porto: fumo nero in aria – VIDEO