Scuola, in Campania si riparte il 24. De Luca: “Non avevamo certezze” 

Scuola, appuntamento al 24 settembre in Campania. Il presidente Vincenzo De Luca ha infatti annunciato un posticipo della riapertura dei vari edifici scolastici spiegandone anche i motivi. 

scuole

(Getty Images)Non tutte le scuole italiano hanno riaperto quest’oggi. E molte lo faranno solo tra un po’ di tempo. Come quelle in Campania, il cui inizio delle lezioni in aula è atteso soltanto per il 24 di settembre in virtù di una serie di difficoltà alla base.

A ufficializzare la data è stato direttamente il governatore Vincenzo De Luca, intervenuto questa mattina a margine dell’inaugurazione del cantiere per i lavori di riqualificazione della Zona Industriale di Salerno, spiegando chiaramente anche i motivi di tale verdetto.

rischi coronavirus scuola
(Foto: Getty)

Scuola, in Campania si riparte il 24 settembre

“Abbiamo rinviato di 10 giorni – spiega infatti il presidente – per delle ragioni molto semplici: non avevamo alcuna certezza per la fornitura dei banchi singoli, per la distribuzione delle mascherine, il numero dei docenti disponibili, dei supplenti, degli insegnanti di sostegno e per le aule disponibili”. Insomma, un disastro totale.

Potrebbe interessarti anche —-> “Infoscuola Covid-19 Italia”, il nostro canale Telegram per tutti gli aggiornamenti 

Ma per De Luca le responsabilità sono unicamente del Governo: “La Protezione Civile, due giorni fa, ci ha informato che mancavano ancora le aule per 22.000 studenti. Motivo per cui abbiamo deciso di posticipare di 10 giorni l’inizio delle lezioni, caricandoci noi di un compito che in realtà apparterrebbe al ministero della Pubblica Istruzione e non a noi”. 

Nel frattempo – come spiegato sempre del politico – si sta procedendo con gli screening di massa nel personale scolastico, la distribuzione delle pistole per misurare la febbre agli alunni nei vari istituti e la varie sanificazioni del caso soprattutto dopo le elezioni in arrivo.

Leggi anche —-> Allarme inquinamento: “Ormai più mascherine che meduse nei mari”