Referendum, Zingaretti: “Voteremo sì per combattere”

0
3

Il Presidente del Partito Democratico Nicola Zingaretti ha spiegato le ragioni per le quali il suo partito voterà sì al referendum, dichiarandosi l’unico argine contro l’ascesa del centrodestra.

Getty Images

Il Pd voterà sì al referendum in maniera convinta. Non lasciano spazio ad alcun dubbio le dichiarazioni di Nicola Zingaretti, intervistato dai giornalisti al margine di un incontro al quale ha presenziato insieme al Presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca. Il segretario del Partito Democratico ha infatti dichiarato che “vedo che finalmente il cantiere delle riforme si è riaperto e il nostro è un sì per combattere. In democrazia bisogna combattere. Vogliamo un sì per combattere e per cambiare. Non credo che sia in gioco la democrazia, anche perché lo abbiamo scritto nel programma ad agosto 2019, un anno fa, e stavano tutti zitti quando lo abbiamo scritto. Certo, il sì è l’inizio per cambiare e per fare le riforme”. 

Leggi anche: Monica Cirinnà: “Mi candido a sindaca di Roma, il PD aspetta un big”

Zingaretti: “Fermiamo l’avanzata del centrodestra”

Getty Images

Zingaretti ha poi rivolto un appello agli elettori chiedendogli di unirsi  “nei prossimi giorni, in quella che sarà una grande battaglia per il futuro dell’Italia e uniamoci intorno a quelle candidature che possono fermare l’avanzata delle destre perché siamo alla vigilia di centinaia di miliardi di euro di investimenti che abbiamo conquistato in Europa e non regaliamoli a chi l’Europa la voleva distruggere. Questa sarebbe stata una follia. Il PD c’è”. Tutto questo, rivendicando il fatto di essere l’unica forza politica di sinistra a porsi come candidata credibile per mettere in difficoltà un centrodestra in ascesa. Questa per Zingaretti è “la vera unica certezza in questo momento. Dal Nord al Sud, dalla Val d’Aosta alla Sicilia c’è una sola forza politica che ovunque combatte per fermare le destre di Salvini e di Meloni. Questa forza è il Partito Democratico con le sue candidate e i suoi candidati”.

Leggi anche: Salvini aggredito, la Lega: “Silenzio di Conte? È vergognoso”

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui