Tasse, possibile nuovo rinvio delle cartelle esattoriali: i dettagli

La sospensione delle tasse al 15 ottobre potrebbe essere rinnovata ulteriormente, ma solo per i piccoli importi al di sotto dei 5 mila euro

Condono

La sospensione delle cartelle esattoriali al 15 ottobre potrebbe essere ulteriormente rinviata, ma dovrebbe trattarsi di piccoli importi sotto i 5 mila euro. Sono nove le cartelle su dieci di quelle sospese che rientrano in questi parametri. Solo nel 36% dei casi, rispetto al totale di quasi 9 milioni di cartelle non recapitate ai contribuenti da marzo scorso, si tratta di tasse non pagate. Questi dati sono stati riportati dal Sole 24 Ore.

LEGGI ANCHE—> Istat, Pil in picchiata libera: mai così male in 25 anni

Tasse, possibile proroga dei pagamenti agli inizi del 2021

debiti col fisco

Nelle ultime settimane la proposta della Lega, ma non solo, è quella di una proroga del rinvio a dicembre. La scelta però non è da prendere su due piedi perché ha un certo tipo di costi. Al momento il primo rinvio sulle casse dello Stato ha pesato per 65,8 milioni di euro ed allungare i tempi fino a dicembre porterebbe ad un raddoppio di questa cifra.  C’è, comunque, la possibilità che si rinviino le cartelle esattoriali non pagate di importi inferiori fino ai 5 mila euro all’inizio del 2021.

Per ciò che concerne la TOSAP (Tassa per l’occupazione di spazi e aree pubbliche) e la COSAP (Canone per l’occupazione di spazi e aree pubbliche), le scadenze dei pagamenti sono slittate al 31 dicembre di quest’anno per tutte le attività di ristorazione che hanno subito gravi danni economici nel corso dell’emergenza dovuta alla pandemia da coronavirus.

LEGGI ANCHE—> Blocco licenziamenti, consigliere UnImpresa: “Misura sbagliata contro le imprese”