Trump annuncia storico accordo di pace tra Israele ed Emirati Arabi

Con un tweet, il Presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha annunciato il raggiungimento di uno storico accordo di pace tra Israele e gli Emirati Arabi.

Getty Images

Il Presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha annunciato su Twitter il raggiungimento di uno storico accordo di pace tra Israele ed Emirati Arabi. L’intesa porterà per la prima volta a una normalizzazione dei rapporti diplomatici tra i due paesi. A confermare la notizia è stato lo stesso principe degli Emirati Mohamed bin Zayed.

Accordo di pace Israele-Emirati Arabi, Netanyahu: “Giornata storica”

Questi ha infatti scritto su Twitter che “nella mia telefonata di oggi con il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, e il primo ministro israeliano, Benjamin Netanyahu, e’ stato deciso di fermare l’annessione di Israele dei territori palestinesi. Gli Emirati Arabi Uniti e Israele hanno inoltre concordato di stabilire una tabella di marcia per avviare una cooperazione congiunta, che porti a relazioni bilaterali”. A stretto giro sono arrivate anche le dichiarazioni di Netanyahu. Il premier israeliano ha parlato di una “giornata storica” che rappresenta inoltre un consistente passo in avanti per il raggiungimento della pace in Medio Oriente. 

Leggi anche: Trump, gaffe clamorosa: sbaglia data della Seconda Guerra Mondiale

Israele, Netanyahu vuole andare a nuove elezioni

Getty Images

Intanto in Israele, il governo di unità nazionale formato dal Liukid e dal partito Blue Bianco è sempre più in crisi. Quest’ultimo infatti ha iniziato ad accusare apertamente il premier israeliano di stare cercando una scusa per andare a nuove lezioni in modo da evitare i procedimenti giudiziari a suo carico. Molti fonti interne al partito guidato da Gantz affermano inoltre come diversi esponenti si siano pentiti di aver contribuito a formare un governo con Netanyahu e siano adesso pronti a fare un passo indietro. Una data cruciale per le sorti del governo è quella del 25 agosto, termine ultimo affinché l’esecutivo presenti le previsioni finanziarie. La legge prevede infatti che nel caso in cui il governo non riesca a presentare il documento entro quella data, bisognerà necessariamente andare a nuove elezioni. 

Leggi anche: Usa 2020, prima uscita per Biden e Harris: attacchi al presidente Trump