Bonus Inps, Garante Privacy: “Nomi beneficiari possono essere pubblicati”

0
3

Il Garante della Privacy ha annunciato, in merito al bonus Inps, che possono essere resi pubblici i nomi dei beneficiari del contributo

furbetti bonus

Sono ormai 3 giorni che tiene banco la questione in merito alla richiesta del bonus Inps da parte di cinque parlamentari. In molti politici, insieme ai cittadini, hanno chiesto a gran voce che vengano resi pubblici i nominativi. Alcuni consiglieri comunali intanto si sono esposti pubblicamente in maniera autonoma, giustificandosi in relazione alla decisione di far richiesta per l’incentivo.

Intanto, il Garante della Privacy, ha spiegato: “La privacy non è d’ostacolo alla pubblicità dei dati relativi ai beneficiari del contributo laddove, come in questo caso, da ciò non possa evincersi, in particolare, una condizione di disagio economico-sociale dell’interessato (art. 26, comma 4, d.lgs. 33 del 2013). Ciò vale, a maggior ragione, rispetto a coloro per i quali, a causa della funzione pubblica svolta, le aspettative di riservatezza si affievoliscono, anche per effetto dei più incisivi obblighi di pubblicità della condizione patrimoniale cui sono soggetti (cfr., ad es., artt. 9 L. 441/1982 e 5 d.l. 149/2013, convertito, con modificazioni, dalla L. n. 13 del 2014)”.

LEGGI ANCHE—> Ecobonus, sono terminati i fondi: per agosto nuovi importi

Bonus Inps ai parlamentari, il Garante apre un’istruttoria

conte zone rosse

Come si legge nel prosieguo della nota ufficiale, il Garante ha anche comunicato che verrà aperta un’istruttoria in merito al trattamento dei dati dei beneficiari e riguardo alle notizie diffuse. Il governo, intanto, è al lavoro per inserire una norma retroattiva sulla restituzione dei fondi anche per consiglieri comunali e sindaci.

Tornando alla questione dei nomi, la voci parlando di due due cinque parlamentari facenti parli della Lega. I renziani, invece, smentiscono coinvolgimenti mentre Di Maio chiede sia fatta chiarezza. L’obbligo di trasparenza sui vantaggi delle personalità pubbliche prevale e quindi a breve i nominativi usciranno allo scoperto.

LEGGI ANCHE—> Crociere, si riparte: la prima post Covid-19 il 16 agosto

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui