Porto Empedocle, fuga di massa dei migranti dal centro

A Porto Empedocle si è verificata una fuga in massa da parte di molti migranti che alloggiavano in un centro della Protezione Civile. 

Getty Images

La tensostruttura di proprietà della Protezione Civile, allestita lungo la banchina di Porto Empedocle, era un centro in cui migranti venivano costretti ad alloggiare prima di essere trasferiti in altri centri di accoglienza. Nonostante la struttura avesse una capienza massima di cento persone, al suo interno vi erano ospitati più di cinquecento migranti. Molti di questi sono appena fuggiti dal centro, e adesso Polizia e Carabinieri sono sulle loro tracce. Questo episodio si aggiunge a un’altra fuga di queste ore avvenuta a Caltanissetta, a Cara di Pian del Lago. Circa un centinaio di migranti hanno deciso di fuggire dal centro. Al suo interno, venivano ospitate in tutto trecentocinquanta persone. 

Leggi anche: Basilicata, 36 migranti positivi al coronavirus

Migranti fuggono da Pian del Lago: le parole del sindaco

Getty Images

Anche qui, le forze dell’ordine sono ancora impegnate nelle ricerche. Dieci di loro sono già stati rintracciati e riportati nel centro. Roberto Gambino, sindaco di Pian del Lago, ha reagito con una certa veemenza alla notizia. Ha infatti annunciato che chiederà al governo di fare in modo che il suo comune non ospiti più nessun centro per migranti. Il sindaco ha poi comunque rassicurato sul fatto che i migranti fuggiti, erano risultati tutti negativi ai test sul coronavirus.

Un’altra fuga si è verificata anche a Pozzallo. Qui infatti trenta immigrati di nazionalità tunisina sono riusciti a fuggire dall’hotspot dove alloggiavano. Da quanto si apprende, sembra che abbiano approfittato  di una distrazione delle forze dell’ordine per darsi alla fuga. Anche loro avevano già fatto i test anti Covid-19, risultando negativi.

Leggi anche: Lampedusa, 20 migranti appena sbarcati fuggono dall’Hotspot di Taranto