India, ragazzo molesta 14enne in un centro anti-Covid: arrestato

India: immediato l’arresto per un 19enne che, all’interno di un centro anti-Covid, ha molestato una 14enne. Arrestato anche un altro uomo, che ha ripreso la scena.

Abuso
India, violenze su una 14enne (photo Pixabay)

Arresti da incubo in India: una ragazzina di 14 anni è stata violentata all’interno di un centro anti-Covid. A lanciare la notizia è stata l’agenzia di informazione Ansa, che ha dato i dettagli di quanto accaduto. Il centro presso il quale si è verificato l’abominevole atto si trova a New Delhi. Arrestati sia l’assalitore, un ragazzo di 19 anni, sia un altro uomo, che con il cellulare ha ripreso la scena.

Da quanto si apprende, il centro di New Delhi, è il più grande di tutta l’India. Questo ospita infatti più di 10 mila letti, messi a disposizione per i contagiati dal Coronavirus.

Leggi anche >>> India, partorisce una femmina: il marito si suicida e lei muore di crepacuore

Covid-19: la situazione in India

India Coronavirus
Coronavirus, la situazione nel Paese preoccupa (photo Getty)

Nel frattempo, la situazione in India non è delle migliori. Il Paese è il terzo al mondo per numero di contagi e conta, ad oggi, un totale di 1.288.108 casi di Coronavirus, con il numero dei decessi che è salito a 30.601. L’India è l’unico Paese, al momento, insieme a Usa e Brasile, ad aver superato il milione di contagi. Il primo Paese al mondo, per numero di casi, resta l’America di Trump, che conta 4.038.863 contagiati e un totale di 144.305 morti.

Il secondo Paese, per numero di contagi, è il Brasile, che ha superato i due milioni di casi, arrivando a un totale di 2.287.475 contagi e 84.082 morti.

L’Italia, ad oggi, conta un totale di 245.338 casi, con 35.092 decessi. Il Paese si trova immediatamente al di sotto dell’Arabia Saudita, che conta invece un totale di 260.394 casi. Particolarmente preoccupante rimane la situazione in Russia, quarto Paese al mondo per numero di casi, che conta 793.720 contagi.

Potrebbe interessarti anche: India, giornalista ucciso da clan criminale: li aveva denunciati poco prima