Portogruaro, fermato il presunto colpevole dell’omicidio di una 59enne

I carabinieri di Portogruaro hanno fermato un uomo con l’accusa di essere l’autore dell’omicidio di una 59enne nella sua abitazione

omicidio portogruaro
omicidio portogruaro (ilgazzettino.it)

Un uomo è stato fermato a Portogruaro perché ritenuto il responsabile dell’omicidio di una donna di 59 anni. La vittima, Marcella Boraso, residente nella cittadina veneziana ma di origine padovana, dopo essere rimasta vedova qualche anno fa viveva da sola a via Croce Rossa. È stata lì che i vigili del fuoco l’hanno trovata ormai morta nel bagno della sua abitazione. Ad allertare i pompieri sono stati alcuni vicini che hanno visto uscire del fumo dalla finestra dell’appartamento dove la Boraso viveva. In un primo momento una contusione tra la tempia e il cranio aveva fatto orientare gli investigatori verso una causa di morte accidentale. L’ipotesi era che la donna fosse caduta in bagno e avesse colpito la testa sul wc, ritrovato in effetti scheggiato.

LEGGI ANCHE -> Milano, violenza al Monte Stella: individuato il presunto colpevole di stupro

Le indagini sull’omicidio a Portogruaro

terni ragazzi
Carabinieri (Foto: Facebook)

La prima supposizione quindi portata avanti dai carabinieri parlava di un semplicissimo quanto tragico incidente domestico. La caduta sarebbe arrivata dopo che la donna avrebbe lasciato un pentolino sul fuoco da cui si sarebbe sprigionato il fumo. Dopo poco però, grazie ai rilievi effettuati, l’ipotesi di un incidente è stata definitivamente accantonata dagli investigatori. Sicuri che si trattasse di un omicidio, i carabinieri hanno dopo poco fermato un uomo accusato della morte della 59enne e del reato di incendio. Le forze dell’ordine hanno individuato il sospettato dell’omicidio di Marcella Boraso tra le persone che vivono nei condomini vicini a quelli della donna. I carabinieri hanno interrogato anche alcuni amici della vittima, con loro infatti la 59enne aveva trascorso la serata il giorno prima di essere ritrovata morta.

LEGGI ANCHE -> Firenze, usura al 300%: sequestrati 2 milioni e mezzo ad uno strozzino