India, partorisce una femmina: il marito si suicida e lei muore di crepacuore

Una donna, in India, partorisce una femminuccia e muore di crepacuore dopo aver saputo che il marito si è suicidato

Neonato

Lei partorisce una femminuccia ed il marito si suicida, poco dopo muore anche lei di crepacuore per non aver retto il dolore. Una storia al limite dell’assurdo arriva dall’India ed a riportarla è il Daily Mirror. Una donna è morta d’infarto dopo aver saputo che il marito si sarebbe suicidato dopo aver saputo che il neonato era una femminuccia. La madre dell’uomo, infatti, lo avrebbe duramente insultato per questa nascita, accusandolo di “disonore”, portandolo a compiere l’efferato gesto.

LEGGI ANCHE—> Allerta alimentare, ritirata dal mercato la farina di un noto produttore

India, 50mila mamme al mese costrette ad interrompere la gravidanza

india-min

I coniugi di Gautamnagar, a Delhi, avrebbero anche avuto una pesante discussione dopo la nascita della bambina primogenita. Questo sempre su pressioni della famiglia di lui che ha disapprovato fermamente fosse femminuccia. Dopo 4 giorni si è consumata la doppia tragedia. In India, come in molte altre nazioni, non viene accettata la nascita di una figlia femmina come primogenita ed è concesso l’aborto selettivo in base al sesso.

Gli studi, per ciò che riguardano l’India, parlano di almeno 50mila mamme che ogni mese sono costrette ad interrompere la gravidanza a causa di ciò. Alcune gravi testimonianze parlano, nel caso in cui si arrivi al parto, di violenze sulle neonate. Molti attivisti in questi anni si stanno battendo per regalare uguale diritto alla vita ed alla libertà da parte di tutti i bambini. Nel 2016 ADF India ha lanciato la campagna #VanishingGirls per il diritto alla vita delle bambine e per l’eliminazione degli aborti selettivi. Purtroppo la lotta ad un’arretratezza culturale così profonda, risulta essere un compito molto arduo.

LEGGI ANCHE—> India, giornalista ucciso da clan criminale: li aveva denunciati poco prima