Covid-party in Alabama: vince chi si contagia per primo

Ai tempi del coronavirus una nuova moda impazza tra gli studenti dell’Alabama: il Covid-party, una scommessa che vince chi si contagia per primo

Covid-19 party
Covid-19 party (photo Pixabay)

Fa notizia sapere che, mentre tutto il mondo è attraversato dalla paura legata alla diffusione del coronavirus, ci sono persone che evidentemente sottovalutando il problema organizzano dei Covid-party. L’insolita e discutibile idea è nata da un gruppo di studenti di Tuscaloosa, in Alabama. In sostanza, nel cuore degli Stati Uniti che sono oltretutto fra i paesi più colpiti al mondo dalla pandemia, degli studenti hanno pensato bene di organizzare delle feste e invitare ragazzi infetti. Lo scopo dei Covid-party è quello di far puntare del denaro agli ospiti scommettendo su chi si ammalerà per primo. Non è dato sapere fino a che punto tali scommesse possano incidere ma le fonti del Dipartimento per la salute pubblica di Tuscaloosa, fanno sapere che il bollettino dei contagi da coronavirus segna circa 2.049 positivi e oltre 40 decessi.

LEGGI ANCHE -> Covid-19, il bollettino del 5 luglio: 7 i decessi e 192 nuovi contagi

Cosa succede durante i Covid-party

party
party (lettoquotidiano.it)

Inizialmente l’idea che si organizzassero dei Covid-party sembrava obiettivamente troppo assurda per essere vera. A darne conferma però sono arrivate le dichiarazioni di Randy Smith, capo dei vigili del fuoco di Tuscaloosa, e di Sonya McKinstry, consigliera comunale. Dalle indagini finora emerse sembrerebbero che gli studenti, durante certe feste, creerebbero vere e proprie scommesse puntando sul prossimo contagio. “I ragazzi mettono i soldi in una pentola – ha affermato la consigliera – e cercano di prendersi il covid. Vince il piatto chi si contagia per primo“. Un comportamento decisamente criminale che sarebbe impossibile a sminuire come semplice bravata tra studenti. Al momento ulteriori indagini sono in corso per risalire agli organizzatori dei Covid-party.

LEGGI ANCHE -> Pulse, la collana anti-Covid progettata dalla NASA per non toccarsi il viso