Coronavirus, il ricovero ormai è raro: impennata dei casi lievi

Coronavirus, il ricovero ormai è raro: impennata dei casi lievi. Uno studio conferma che la pericolosità del SarsCov2 è in forte calo

Coronavirus Ricovero
Coronavirus, il ricovero ormai è raro: impennata dei casi lievi (Foto: Getty)

Secondo un recente studio condotto da Alberto Zangrillo, primario del San Raffaele e da Matteo Bassetti, ordinario dell’Ospedale di Genova, il coronavirus si sta ridimensionando. I due professori hanno sottoscritto un documento che coinvolge in totale dieci scienziati che hanno dedicato la loro vita negli ultimi mesi al SarsCov2 e alla sua evoluzione. In base ai loro dati il Covid-19 sta perdendo decisamente forza, diventando un patogeno facile da curare. La sua forza virale si sta ridimensionando, allontanando lo spauracchio della terapia intensiva e del ricovero d’urgenza.

Il dato in aumento, invece, sarebbe quello dei positivi ma con lievi sintomi.

Il ricorso all’ospedalizzazione per sintomi ascrivibili all’infezione virale è un fenomeno ormai raro e relativo a pazienti asintomatici o paucisintomatici“, scrivono nel loro testo.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Coronavirus, il vescovo di Pinerolo guarito donerà il suo plasma

Coronavirus, il ricovero ormai è raro: impennata dei casi lievi

Ricoveri in calo
Coronavirus, il ricovero ormai è raro: impennata dei casi lievi (Foto: Getty)

Oltre al calo dei ricoveri, un altro tema che sta facendo discutere nelle ultime settimane è quello relativo alla trasmissione delle infezioni.
Molti esponenti della comunità scientifica non sono sicuri che gli asintomatici o chi ha lievi sintomi sia in grado di infettare gli altri.

L’equipe di scienziati capitanati da Zangrillo sottolinea: “Le evidenze virologiche al momento hanno mostrato un costante incremento di casi con bassa o quasi nulla carica virale. Al momento la comunità scientifica internazionale si sta interrogando sulla reale capacità di questi soggetti, paucisintomatici e asintomatici, di trasmettere l’infezione. In molti sostengono che in effetti sia molto improbabile che questo possa avvenire, proprio per la viralità limitata”.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Coronavirus, la Germania torna a tremare: 500 mila persone in lockdown